Vernice per vetro: caratteristiche e applicazionevetri

Categorie
Pitture 23 Marzo, 2020

Il mondo delle pitture e delle vernici decorative è sempre più ricco di prodotti e soluzioni per personalizzare con fantasia e creatività oggetti, mobili, superfici e rivestimenti.

C’è solo l’imbarazzo della scelta. Vernici magnetiche, pitture lavagna, vernice spray pronta all’uso per decorare in modo pratico e veloce qualsiasi superficie: legno, plastica, ferro, alluminio e vetro.

In questo articolo ci concentreremo sulla vernice per vetro, ne scopriremo caratteristiche e peculiarità, varietà di utilizzo e prodotti specifici per ottenere particolari effetti e finiture.

Colorare vetro: tradizione antica ma sempre attuale

Quando pensiamo alle varie operazioni di verniciatura, le prime cose che ci vengono in mente hanno probabilmente a che fare con la pittura delle pareti interne dell’abitazione, la decorazione di mobili in legno oppure le pitture esterne (facciate, inferriate, staccionate). Difficilmente si pensa che anche il vetro può essere verniciato e decorato. In realtà, la verniciatura vetro è una vera e propria arte: gli effetti che si possono ottenere colorando il vetro sono semplici e al contempo straordinari.

Da sempre la colorazione del vetro è associata alle più nobili forme d’arte: dalle splendide lavorazioni delle fornaci di Murano ai tasselli di vetro usati per i mosaici di Ravenna. Per non parlare delle vetrate delle chiese gotiche e delle decorazioni delle ante in vetro di porte e finestre, di mobili e credenze.

vernice per vetro

Weber 810 x 125
La tecnica di produzione del vetro ha origini antichissime. Pare che già 9.000 anni fa l’uomo neolitico usasse abitualmente l’ossidiana, un particolare tipo di vetro vulcanico. Ufficialmente la tecnica di produzione del vetro si fa però risalire al terzo millennio a.C. in Mesopotamia. Partendo da un elemento naturale presente in natura, ossia la sabbia di quarzo, l’uomo scoprì che tale elemento si scioglieva a contatto con temperature elevate, per poi raffreddarsi e dare vita al materiale duro e trasparente che conosciamo oggi.

Oggi il vetro è un materiale largamente usato in edilizia per la copertura dei tetti, per i rivestimenti, per la realizzazione di porte, finestre, verande e vetrate di ogni tipo e dimensione. La decorazione e colorazione del vetro viene utilizzata soprattutto per l’oggettistica e l’home décor: pensiamo a piatti, bicchieri, barattoli, tazzine da caffè, vasi, lampade, paralumi, portacandele, bottiglie, boccette, soprammobili, alzatine per dolci.

Le applicazioni possono essere davvero tante. D’altronde il vetro è un materiale nobile e delicato che si presta molto bene ad essere valorizzato da vernici trasparenti o colorate. I colori esaltano la sua limpidezza senza togliere luminosità e sottolineano con garbo l’eleganza naturale della sua superficie liscia e lucente.

vernice per vetro

Vernici per il vetro: tipologie e prezzi

Tra le vernici più utilizzate per dipingere il vetro troviamo le vernici all’acqua, applicabili sia su vetro piano che cavo.

Si tratta di vernici non infiammabili e a ridotto contenuto di sostanze organiche volatili. Parliamo dunque di soluzioni sicure e rispettose della salute e dell’ambiente. Le vernici all’acqua, comprese quelle per vetro cavo (bicchieri, ciotole, bottiglie, vassoi) presentano anche ottime caratteristiche fisiche e meccaniche: sono altamente resistenti a umidità, alte temperature, urti, sbalzi termici, graffi e luce. Tali caratteristiche le rendono perfette, ad esempio, per verniciare i vetri di porte e finestre, ossia elementi esposti ad agenti atmosferici e sbalzi di temperatura.

Come dipingere una superficie vetro con la pittura all’acqua? Si tratta di un’operazione pratica e veloce: è possibile applicare vernice all’acqua per vetri con tecnica a rullo, a velo, a pennello, bomboletta spray e anche con una comoda pistola a spruzzo. Basta un pizzico di manualità per ottenere risultati ottimali e durevoli nel tempo.

Una confezione da 1 kg. di vernice all’acqua per vetri ha un costo variabile tra i 30 e i 35 euro, con caratteristiche di resistenza ai lavaggi e all’ingiallimento e ottima resistenza all’abrasione, al taglio e alla luce.

Rientrano tra le vernici all’acqua anche le vernici termoindurenti, che prevedono un processo di essiccazione a temperature tra i 140° e i 180°. Una confezione di smalto termoindurente adatto al vetro ha un costo medio di 20-25 euro. La bellezza di queste vernici, oltre alla grande resistenza e durata nel tempo, risiede nei diversi effetti estetici che si possono ottenere. In particolare:

  • Vernici laccate
  • Vernici effetto metallizzato
  • Vernici effetto sabbiato
  • Vernici effetto specchio
  • Vernici effetto madreperlato
  • Vernici termocromiche: cambiano colore in base alla temperatura esterna.

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati