Muro in vetro per casa e ufficio: divisioni leggere, dinamiche e di designmuro in vetro

Categorie
Pareti Interne 14 Aprile, 2020

Siamo abituati ad associare la parola “muro” ad una costruzione in mattoni/cemento atta a chiudere o confinare un determinato spazio. Eppure, un muro può essere issato anche utilizzando materiali meno consueti. Il vetro, ad esempio.

Un muro in vetro assolve le stesse funzioni di un tradizionale muro di mattoni, ossia separare gli spazi e delimitare i confini, ma lo fa in maniera visivamente diversa.

Il muro in vetro separa senza separare, divide senza chiudere alla vista.

La differenza tra le due modalità di divisione è sostanziale, sia dal punto di vista estetico che funzionale.

In questo articolo approfondiremo entrambi i punti di vista.

Da un lato i campi di utilizzo delle vetrate divisorie nell’Interior Design di abitazioni e uffici, dall’altro gli aspetti legati alle caratteristiche strutturali e al grado di isolamento acustico di questa soluzione progettuale.

Vetrate divisorie in casa: quando e perché utilizzarle

Per definizione un muro divisorio in cartongesso o mattoni serve a segnare un confine e a circoscrivere gli ambienti. La sua funzione, più o meno, si limita a questo: chiudere e creare una separazione tangibile.

Le pareti divisorie in vetro, invece, anche quando utilizzate per dividere gli ambienti, non chiudono mai del tutto. Al contrario, trasmettono un senso di apertura e comunicazione.

Nel mondo dell’Interior Design le vetrate divisorie non si limitano, dunque, a separare gli spazi, ma rappresentano vere e proprie soluzioni d’arredo capaci di coniugare la funzionalità di una struttura divisoria al valore estetico del vetro, elegante e raffinato per sua natura.

La parete vetrata non appesantisce visivamente gli ambienti e dona un senso di leggerezza e apertura che ben si sposa con le moderne esigenze d’arredo.

Senza dimenticare le caratteristiche funzionali del materiale. Ad oggi, il vetro, anche grazie al progresso tecnologico, può essere considerato un materiale edilizio a tutti gli effetti: è solido, strutturalmente omogeneo, resiste alle sollecitazioni meccaniche e non subisce deformazioni al variare della temperatura.

Parete in vetro: in quali ambienti della casa?

Nelle moderne case a più livelli gli spazi sono frammentati e, presi singolarmente, quasi mai raggiungono ampie metrature. Anche nell’arredo si tende dunque all’ottimizzazione degli spazi tramite l’utilizzo di mensole a parete, mobili sospesi o arredi multifunzione e salvaspazio.

Diamo un’occhiata ai contesti abitativi in cui può far comodo progettare una divisione in vetro.

  • Separare living e cucina
    Spesso living e cucina convivono in un unico open-space di dimensioni medio-grandi. In contesti del genere una parete in vetro può essere la soluzione ideale per isolare i due ambienti mantenendo inalterata la comunicazione visiva e il passaggio della luce.  Da un lato il muro in vetro isola il living dagli odori della cucina, dall’altro lascia aperta la comunicazione visiva tra i due ambienti.
  • Circoscrivere la sala da pranzo
    Una soluzione pratica e stilisticamente ricercata è quella di isolare la zona pranzo incorporata al living mediante una parete in vetro scorrevole o una mezza parete fissa che lascia aperta al passaggio l’altra porzione di parete. Anche in questo caso, l’obiettivo è quello di creare ambienti separati senza appesantire.
  • Creare il bagno in camera
    In camera da letto la parete in vetro con annessa porta in vetro può rivelarsi decisiva per creare un piccolo bagno in camera. In questo caso, è preferibile scegliere una finitura opaca, satinata, o fumé per garantire la giusta privacy.
pareti in vetro
Samo 810 x 125

Pareti vetrate per uffici

Per via delle loro caratteristiche, i muri in vetro, così come le porte in vetro, sia fisse che scorrevoli, sono la soluzione progettuale perfetta per creare ambienti di lavoro separati nell’ambito di un grande open space.

L’esigenza di dar vita a più mini-uffici separati ma comunicanti viene soddisfatta appieno dalle pareti in vetro, che vengono realizzate con materiali e tecnologie atte a garantire un efficace isolamento acustico, mantenendo però un design moderno e dinamico che favorisce il lavoro in team e lo scambio e condivisione di idee.

Isolamento acustico del muro in vetro nei luoghi di lavoro

Nei moderni ambienti di lavoro, strutturati con uffici contigui delimitati da separatori trasparenti in vetro, garantire un buon grado di isolamento acustico diventa un prerequisito essenziale.

I prodotti che meglio rispondono al fonoisolamento sono le vetrocamere fonoassorbenti, ossia vetri stratificati composti da due lastre unite da un foglio di PVB, materiale plastico ad alta attenuazione acustica capace di assorbire efficacemente le vibrazioni provocate dai rumori.

pareti in vetro

Pareti in vetro: quanto costano?

Sul versante del budget, le pareti in vetro per interni, considerate soluzioni di design versatili ed eleganti, vengono ancora percepite come progettazioni d’élite che non tutti possono permettersi.

In realtà, pur rimanendo più costose di pareti divisorie in altri materiali, ad oggi le pareti in vetro, grazie al progresso tecnologico che ha abbattuto i costi di produzione, hanno costi inferiori rispetto al passato.

Il prezzo medio di una parete in vetro divisoria parte dai 65 euro al metro quadro, per arrivare intorno ai 260 euro per particolari soluzioni di design.

Le pareti in vetro scorrevoli costano leggermente di più – tra gli 85 e i 350 euro al metro quadro – mentre per le pareti in vetro su misura saliamo ad un costo medio tra i 95 e i 375 euro al mq.

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati