Marmi pregiati: il rivestimento per far brillare la propria casa

Categorie
Pavimenti e Rivestimenti 13 Gennaio, 2020

Con le loro venature eleganti e sempre differenti, il fulgore delle superfici e le infinite colorazioni che per loro natura riescono ad assumere, i marmi sono a ben diritto considerati tra i materiali più pregiati in architettura e nell’Interior Design, adottati per il rivestimento in pietra di ogni tipo di superficie.

L’uso del marmo in architettura ha origini antiche – bisogna tornare all’epoca classica e agli splendidi esempi dell’architettura greca e romana – ma la sapiente tradizione è arrivata fino ai nostri giorni conservando intatta gran parte delle sue caratteristiche di bellezza e versatilità.

I marmi pregiati, rivisitati in chiave moderna, sono più che mai di tendenza e trovano applicazione nei contesti più differenti.
Pavimenti e rivestimenti in marmo pregiato vengono scelti sempre più spesso per habitat ricercati e raffinati, hotel e residenze di lusso, contesti abitativi di ispirazione classica, ma anche per ambienti più contemporanei, dove il marmo si mescola armoniosamente ad altri materiali – legno, acciaio, pietra – impreziosendo la visione d’insieme e donando un inconfondibile tocco di classe.

Marmi pregiati: le varie qualità

Il marmo, pur essendo annoverato nel grande gruppo delle pietre naturali, presenta caratteristiche così peculiari e uniche da rappresentare una sorta di categoria a parte.

Quante qualità di marmo esistono? Ne esistono tante e per semplicità si tende a classificarle in base alla loro colorazione, alla provenienza o alla composizione.

Ecco alcune tra le tipologie di marmi pregiati più apprezzate ed utilizzate nel settore dell’Interior Design:

  • Marmo di Carrara
  • Marmo Rosso di Verona
  • Onice in varie colorazioni (onice smeraldo, onice bianco, onice rosa)
  • Granito
  • Marmo in travertino: insieme ai marmi saccaroidi, spatici e alabastri, i marmi in travertino sono generalmente composti da cristalli di grandi dimensioni, puri e privi di fossili. Di colore biancastro o giallo-miele, hanno una struttura porosa e ricca di vacuoli.
  • Breccia Medicea (o Breccia di Seravezza): utilizzato diffusamente sotto il dominio di Cosimo I de’ Medici – da qui l’origine del nome -, la breccia può assumere venature dal viola al verde chiaro, ma presentare anche sfumature gialle, rosse e grigie.
  • Marmi calcarei criptocristallini: hanno una struttura cristallina meno marcata, caratterizzata dalla presenza di forme di fossili antichi. Alcuni esempi: i marmi di Trento, il Botticino della zona di Brescia e le pietre del Carso.
  • Ardesia in varie colorazioni (grigio, nero, verde, blu, violaceo)
marmi pregiati cucina
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Marmo di Carrara in casa: bellezza senza tempo

Questa meravigliosa pietra naturale di origine calcarea viene estratta dalle cave delle Alpi Apuane, nei pressi di Carrara.

Si presenta in tre principali varianti:

  • Statuario, con fondo chiaro e venature grigie
  • Calacatta, con fondo avorio e venature tendenti al giallo
  • Bardiglio, con fondo scuro e arabescato, e venature che somigliano a reticoli decorativi

L’innata eleganza del marmo di Carrara si presta a molteplici utilizzi in casa, dai più convenzionali, come i rivestimenti a parete e i pavimenti, a quelli di maggiore impatto scenico, come l’inserimento di icone del design e veri e propri elementi scultorei.

L’uso del marmo a parete è forse il più diffuso in ambito domestico. Più comunemente lo possiamo trovare come rivestimento continuo o paraschizzi in cucina e come prezioso rivestimento in bagno, a volte associato al piano del lavabo nello stesso materiale. Potenzialmente non vi sono limiti progettuali all’uso del marmo a parete, tanto che non di rado viene utilizzato come pannello decorativo per impreziosire il living. Di gran tendenza è l’uso di lastre marmoree a parete con una speciale retroilluminazione led che ne fa risaltare  la brillantezza e le venature.

Molto amati anche i pavimenti in marmo di Carrara, capaci di valorizzare qualunque contesto abitativo. Pur essendo resistente e durevole, una pavimentazione in marmo pregiato è anche molto delicata. Bisognerà prestare maggiore attenzione durante il calpestio per evitare che si graffi o si creino scalfitture in superficie.

Onice per rivestire la casa di eleganza

Tra tutti i marmi pregiati, l’onice è forse quello che riesce meglio a rappresentare la bellezza eterea e intramontabile del marmo.

Composto da frammenti di roccia dalla struttura fibrosa, compatta, traslucida, l’onice è un marmo prezioso dalla bellezza unica, soprattutto nella declinazione smeraldo.

Molto utilizzato per rivestire le pareti del bagno, l’onice smeraldo presenta una superficie lucida e trasparente, perfettamente levigata, che dona una resa estetica impareggiabile. Per non parlare della gamma di sfumature che può assumere, anche in base alla luce naturale o ad una retroilluminazione ad hoc. Colori così suggestivi da lasciare letteralmente incantati!

Non da meno sono le altre colorazioni generalmente assunte dall’onice: perla, oro, verde, grigio e avorio.

marmi pregiati

Rivestimenti in marmo: il costo è legato al pregio e alla manutenzione

Il costo più elevato del marmo non deriva solo dal pregio del materiale, ma anche dalle particolari tecniche con cui deve essere lavorato prima di trovare applicazione nei contesti abitativi in forma di rivestimento e pavimento. L’estrazione e la lavorazione del marmo richiedono infatti tempi lunghi e costosi che inevitabilmente vanno ad incidere sul costo finale per il consumatore.

Qualunque sia la declinazione del rivestimento, il marmo pregiato rappresenta una soluzione più costosa del gres porcellanato, del legno  o dei pavimenti laminati, proprio in virtù del suo naturale pregio.

Nel computo totale va anche incluso il costo per la manutenzione, sicuramente più dispendioso rispetto a qualunque altro rivestimento. I pavimenti e rivestimenti in marmo e granito sono potenzialmente durevoli e resistenti, ma richiedono anche maggiore attenzione e trattamenti manutentivi accurati da eseguire periodicamente per mantenerne inalterate le proprietà. Tra questi includiamo sicuramente la cristallizzazione, la levigatura, la lucidatura e, in caso di formazione di fratture e cavità, il ri-sigillamento.

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati