Vernice per tegole in cotto: come valorizzare il tetto di casa

Categorie
Tetto e Coperture Gennaio 27, 2021

Per secoli coppi e tegole in cotto hanno dominato le coperture degli edifici architettonici, tanto che ancora oggi il tetto con tegole è in assoluto tra i più utilizzati.

Le nuove tecnologie e i moderni processi produttivi non hanno affatto scalfito la tradizione dei tetti in cotto, ma l’hanno semmai migliorata in termini di resa nel tempo e affidabilità, rendendo i metodi costruttivi più snelli e aumentando le performance fisico-meccaniche di un materiale – il cotto, appunto – che da sempre è considerato un’eccellenza nel settore edilizio.

Ma a cosa è dovuto il successo delle tegole in cotto? 

Quali sono i “superpoteri” di questo materiale antico e prezioso, già largamente utilizzato in Grecia durante l’età del bronzo?

Se ancora oggi scegliamo le tegole in cotto (o terracotta) per le coperture delle nostre case è innanzitutto per via di due doti fondamentali per un tetto: resistenza e impermeabilità.

È evidente come entrambe le caratteristiche siano strettamente collegate alla funzionalità ultima del tetto: riparare l’abitazione sottostante da tutti gli agenti atmosferici – pioggia, neve, grandine, vento, raggi UV, umidità – e da qualsiasi altro agente esterno che, penetrando in casa, potrebbe compromettere la sicurezza e il benessere delle persone che vivono all’interno della struttura. 

Il tetto, infatti, è lo strato di copertura che isola le quattro mura dal caldo, dal freddo e dai rumori: dal grado di isolamento termoacustico della copertura, così come da quello delle pareti e degli infissi, dipende gran parte del comfort abitativo in casa.

La terracotta utilizzata per realizzare le tegole per tetti viene cotta ad una temperatura così elevata da innescare un processo di vetrificazione che rende il materiale duro, idrorepellente e in grado di contrastare efficacemente pioggia, umidità, neve, freddo o caldo intenso.

Non è raro, infatti, trovare coperture per tetti in cotto nelle zone di mare, caratterizzate da forte umidità, vento e salsedine, così come in zone di alta montagna in cui neve e freddo sono all’ordine del giorno.

L’affidabilità del cotto si evidenzia anche in termini di longevità – queste coperture possono durare per più di 100 anni senza bisogno di grosse opere di manutenzione – e in chiave di resistenza al fuoco. I tetti in cotto, infatti, sono compatibili anche con le aree climatiche caratterizzate da clima torrido e temperature bollenti.

Altro vantaggio risiede nella migliore tenuta acustica dei coppi in terracotta rispetto ad altri materiali come il cemento: le tegole in cotto, grazie alla naturale densità, contribuiscono a smorzare i rumori di circa 30 decibel rispetto ai 12 decibel delle coperture in cemento.

vernice su tegola tetto

Isover 810 x 125

Il tetto è “trendy” grazie alla vernice per tegole in cotto

Finora abbiamo parlato delle proprietà fisico-meccaniche e delle eccellenti capacità isolanti delle tegole in cotto. Grande importanza riveste però anche l’aspetto estetico.

Il tetto è un elemento fortemente caratterizzante lo stile di una casa. Insieme alla facciata e agli infissi, rappresenta il “biglietto da visita” che può orientare in positivo o in negativo la prima impressione nei confronti della struttura.

Esterni ben progettati, curati e armoniosi in ogni elemento – forma, proporzioni, colori – rendono tutto più gradevole e accogliente.

Se fino a qualche anno fa per le tegole in cotto ci si orientava su una gamma di colori piuttosto standardizzata – oltre alla finitura naturale (la più diffusa), si osservava qualche timida variazione sul tema (sfumature più chiare o più scure del naturale color terracotta) – oggi la tendenza si è in parte invertita: la finitura naturale continua ad essere molto amata, ma sono apparse in commercio molte altre cromie, anche grazie alla messa a punto di vernici specifiche per tegole per tetti in cotto che hanno ampliato la versatilità stilistica di questo tipo di copertura.

Molto utilizzata è la vernice per tegole in cotto a base d’acqua e inodore. Queste vernici, oltre ad essere pratiche e facili da stendere, sono disponibili in tante variazioni cromatiche, così da conferire alla propria casa uno stile unico e inconfondibile. 

La scelta è davvero ampia: si va dalle colorazioni più particolari, come grigio antracite, blu genziana, cioccolata, rosso rustico, grigio pietra, turchese pastello e verde muschio, alle classiche tinte terracotta (e simili), passando per colori intramontabili come nero e bianco, capaci di creare un notevole impatto scenografico.

La qualità della vernice per tegole in cotto non risiede solo nell’ampia scelta cromatica, ma anche in una serie di proprietà che aumentano le performance stesse del tetto, tra cui:

  • capacità di respingere le radiazioni dei raggi UV e formare un’ulteriore barriera protettiva contro agenti ambientali e atmosferici
  • impermeabilità
  • resistenza a sporco e smog
  • elasticità permanente
  • elevata permeabilità al vapore acqueo (vernice traspirante)
  • ecocompatibilità e bassa emissione di odori
  • buona resa: con un barattolo da 20 litri, il cui costo medio è di 150-160 euro, si coprono circa 100 mq

Un altro prodotto molto efficace, da utilizzare come base prima della verniciatura nel colore desiderato, è l’impermeabilizzante per terracotta.

vernice nera per tegole tetto

Stendere questo prodotto sulle tegole del tetto aiuta a proteggere efficacemente la copertura da infiltrazioni, umidità, sporcizia ed eventuali danni provocati da gelo e neve

Il prodotto (costo medio: 35-40 euro per la confezione da 2,5 litri) è generalmente pronto all’uso, estremamente durevole e pratico da utilizzare: inodore e trasparente, impermeabilizza a fondo la superficie, allungando la vita al tetto e proteggendo lo strato di vernice colorata applicata successivamente.

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati