Silicone acrilico verniciabile: sigillante versatile, economico e di facile applicazione

Categorie
Siliconi e Ancoranti Chimici 16 Aprile, 2020

Il silicone è un materiale sigillante versatile ed economico che viene utilizzato in diverse applicazioni, sia a livello hobbistico/fai da te che industriale/professionale. Ottimo soprattutto sigillare fessure e crepe superficiali nella muratura, ma anche per gli infissi.

È piuttosto semplice applicare silicone per risolvere problemi di infiltrazioni, fessurazioni, rotture accidentali o per eseguire una semplice manutenzione. Con un minimo di manualità e pratica chiunque può utilizzare i siliconi per piccoli lavori domestici. Per lavori più complessi e impegnativi è sempre bene, invece, rivolgersi a professionisti del settore.

I siliconi sigillanti sono disponibili in diverse formulazioni e colorazioni: dal classico trasparente al bianco, grigio, nero, passando per colori accesi o colori effetto metallo ed effetto legno. Grazie a questa ampia scelta, il materiale riesce a mimetizzarsi perfettamente con qualsiasi superficie e materiale.

In questo articolo ci focalizzeremo in particolare sulle caratteristiche e i campi di applicazione dei sigillanti acrilici.

Siliconi sigillanti: tipologie e caratteristiche

Ogni prodotto ha le sue peculiarità. Pertanto, non esiste un silicone migliore di altri in termini assoluti. In base al materiale del supporto da sigillare e alle caratteristiche fisico-meccaniche dei vari ancoranti chimici, la scelta ricadrà di volta in volta su una tipologia piuttosto che su un’altra.

Cominciamo col fare una prima differenziazione tra i vari tipi di sigillanti:

  • Sigillanti acrilici
  • Sigillanti siliconici: resistono ottimamente agli agenti atmosferici e chimici
  • Sigillanti ibridi: assicurano elevata resistenza ad acidi, solventi e carburanti, sono verniciabili e non temono il contatto con l’acqua

Sigillante acrilico: caratteristiche e applicazioni

Partiamo dalla denominazione. Per acrilico s’intende un sigillante monocomponente in dispersione acquosa di elevata qualità, esente da odore. I sistemi monocomponenti polimerizzano per policondensazione, così come i sistemi bicomponenti. Ma, rispetto a quest’ultimi, i sistemi monocomponenti sono innescati dall’umidità.

Il silicone acrilico viene utilizzato ogniqualvolta, oltre all’incollaggio, sia necessaria un lavoro di sigillatura.

È il prodotto ideale per la sigillatura di infissi, finestre, porte e cassonetti, per sigillare fessure e crepe nelle murature e per tutti i lavori di restauro, di ripristino e di recupero edilizio. Ottimo anche per le riparazioni domestiche, quando occorre intervenire velocemente per sanare qualche difetto o rottura, ma anche per effettuare lavori di normale manutenzione.

Ecco le principali caratteristiche del sigillante acrilico:

  • Elevata elasticità a basse temperature
  • Alta resistenza ai raggi UV
  • Buona resistenza agli acidi diluiti e alle sostanze basiche, ma non ad olii e carburanti
  • Acrilico verniciabile con pitture e vernici all’acqua
  • Temperatura d’esercizio: da -25°C a +85°C
  • Non adatto al contatto continuo e prolungato con l’acqua
  • Per aumentare l’aderenza alle superfici porose è consigliabile utilizzare un primer, composto dallo stesso sigillante diluito con un po’ d’acqua, da applicare sui fianchi del giunto in modo che venga assorbito dalla porosità del supporto.
  • È di facile applicazione, a patto che la superficie sia pulita e senza polvere.
silicone acrilico
volteco 810 x 125

Silicone acrilico e silicone acetico: quali differenze?

In apparenza i siliconi possono sembrare tutti uguali, ma ognuno di essi presenta applicazioni e caratteristiche differenti.

Vediamo quali sono le principali differenze tra il silicone acrilico e il silicone acetico.

Silicone acrilico

Abbiamo già visto che l’acrilico è un sigillante inodore a sistema monocomponente in dispersione acquosa, che, una volta indurito, può essere verniciato con pitture ad acqua. È adatto per le superfici porose, per legno, calcestruzzo, crepe o fessure sui muri e pannelli prefabbricati. Da evitare, invece, su metalli lisci e in tutte le zone in cui si possono formare ristagni d’acqua.

Silicone acetico

Il silicone acetico è un materiale sigillante di tipo elastico a reticolazione acetica che presenta un’ottima resistenza agli agenti atmosferici e un ritiro minimo durante il processo di vulcanizzazione. Contrariamente al silicone acrilico, l’acetico rilascia un forte odore e non può essere verniciato. Viene utilizzato soprattutto per lavori su sanitari, zone a contatto con l’acqua e giunti in posizione orizzontale, mentre è poco adatto per lavori su superfici porose. Altri campi di applicazione del silicone acetico: sigillatura giunzioni serramento-vetro, costruzione di grandi vetrate, pannelli di celle frigorifere, impianti di condizionamento.

silicone acrilico

Siliconi sigillanti acrilici: prezzi

Il costo dei prodotti sigillanti varia in base alla qualità del marchio e della casa produttrice, ma anche in base all’uso specifico per il quale sono stati realizzati.

Ad esempio, alcuni siliconi con sistema di reticolazione acetica hanno costi più elevati rispetto a quelli tradizionali in quanto vengono applicati per lavorazioni complesse nel settore industriale. Stesso discorso per i siliconi impiegati nelle sigillature di motori, caldaie, giunti di impianti elettrici, per i quali è necessaria una capacità di resistenza più alta della media. Questi prodotti si collocano in una fascia di prezzo tra i 6 e i 12 euro.

I prezzi medi dei siliconi acrilici sono generalmente più bassi.

Una confezione di silicone acrilico verniciabile per muri e fessure da 300 ml ha un costo variabile da 2 a 8 euro, mentre un sigillante acrilico con finitura ruvida da 300 ml ha un costo leggermente più alto, tra i 9 e i 10 euro.

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati