Scossalina in rame per proteggere tetto e balconi dalle infiltrazioni d’acqua

Categorie
Tetto e Coperture 14 Agosto, 2020

La scossalina è un elemento edilizio che serve a proteggere le strutture abitative dalle infiltrazioni d’acqua e a prevenire la conseguente insorgenza di umidità e muffa all’interno degli ambienti domestici.

Dato l’importante ruolo che svolge in chiave di impermeabilizzazione tetto e schermatura dagli agenti atmosferici, la scossalina è una componente esterna sempre presente nelle case di nuova costruzione. Se non presente (evenienza che si verifica soprattutto nelle case più datate), generalmente viene aggiunta a seguito di una ristrutturazione.

Senza la protezione della scossalina la casa sarebbe pericolosamente esposta proprio nei punti più facilmente attaccabili da pioggia e altri agenti atmosferici: giunti, gronde, intercapedini, attaccatura delle falde del tetto.

La scossalina viene utilizzata principalmente per completare la copertura del tetto, del terrazzo o del balcone dell’edificio, ma può essere impiegata anche per scopi diversi.

Scossalina per tetto e balconi: caratteristiche, tipologie e impieghi

A differenza di altre coperture obsolete, le moderne scossaline, una volta posate, non necessitano di rinnovi o particolare manutenzione. I materiali con cui vengono realizzate sono infatti destinati a durare nel tempo e a garantire eccellenti performance in chiave di proprietà termoisolanti e idrorepellenti.

La posa della scossalina, spesso completata con l’installazione di un gocciolatoio che ne definisce meglio la funzione, è dunque fondamentale per preservare la salute strutturale dell’edificio e per garantire la salubrità dell’aria in casa. Tale componente esterna serve, infatti, a tenere a debita distanza fenomeni deleteri quali infiltrazioni d’acqua, umidità, muffa e proliferazione di funghi e batteri.

scossalina metallica

Grigolin 810 x 125

Materiali scossalina

Il materiale incide sulla durata nel tempo della scossalina e sulla sua capacità di proteggere efficacemente l’edificio dagli agenti atmosferici.

Tra i principali materiali utilizzati per le scossaline troviamo:

  • Rame/acciaio zincato: costosi ma estremamente resistenti
  • Alluminio: leggero, resistente e versatile nelle cromie
  • Plastica/PVC: economici e di semplice installazione

Le scossaline metalliche, così come quelle in plastica, sono tutte in grado di garantire impermeabilità ed elevata resistenza ai raggi UV, ma per la copertura di punti critici si utilizza solitamente il rame, uno dei materiali più longevi in lattoneria.

Scossalina in rame: longeva e super resistente

La scossalina per il tetto o il balcone viene realizzata quasi sempre in rame: sebbene più costoso di altri, questo materiale è quello che garantisce il più alto grado di affidabilità e resistenza alle intemperie.

Cosa rende la scossalina in rame così duratura e impenetrabile? 

La risposta risiede nel naturale processo di ossidazione che interviene quando il rame entra in contatto con l’atmosfera. La reazione chimica tra i due elementi (aria e rame) crea uno strato protettivo che si deposita sulla superficie rendendola immune dall’aggressione di qualsiasi agente esterno.

Altro fattore che gioca a favore della longevità delle scossaline in rame riguarda il fatto che queste, a differenza, ad esempio, delle scossaline in alluminio, possono essere saldate direttamente in cantiere.

In sostanza, la scossalina in rame contribuisce meglio di altre a salvare la gronda e i muri sottostanti dall’infiltrazione dell’acqua piovana.

Non a caso i rivestimenti in rame vengono utilizzati per conservare integre alcune parti di chiese ed edifici storici di grande valenza artistico-architettonica.

Scossalina impieghi: dove si usa

La scossalina viene principalmente montata sul tetto dell’abitazione per renderlo impermeabile e preservarlo dalle infiltrazioni d’acqua. Il montaggio “standard” prevede l’installazione delle scossaline all’attaccatura delle falde del tetto, sia orizzontale che tetto spiovente, anche nel caso in cui sul tetto sia posizionato un lucernario.

Le scossaline a forma di “L”, fermate con viti ad espansione e rondelle, vengono applicate al muro verticale, poste sulle gronde laterali,  o semplicemente appoggiate alle tegole della falda del tetto.

Allo scopo di mantenere in ottimo stato di conservazione tutte le strutture murarie dell’edificio, la scossalina viene applicata anche per proteggere:

  • Balconi/terrazzi
  • Pensiline
  • Lucernari
  • Sotto davanzali
  • Canne fumarie

La scossalina viene impiegata anche come chiusura superiore dei pannelli termoisolanti e come copri muro. In quest’ultimo caso, trattandosi di elemento a vista, è importante scegliere un materiale esteticamente gradevole.

Il rame, che tende a scurirsi con il tempo, viene scelto soprattutto quando si vuole mimetizzare la presenza della scossalina. Se invece la si vuole evidenziare è preferibile scegliere la scossalina in alluminio.

scossalina metallica rame

Quanto costano le scossaline in rame?

Il rame è tra le materie prime più costose tra tutte quelle utilizzate in lattoneria per scossaline e grondaie. Il prezzo più elevato è però compensato dalla maggiore qualità, dalla migliore resa estetica e funzionale e dalla maggiore durata nel tempo rispetto ad altre tipologie.

Le scossaline in rame hanno un costo medio di circa 8 euro al metro lineare, esclusa la manodopera.

Il costo finale dipende dalla forma e dimensione dei punti da coprire e dal livello di difficoltà della modalità di installazione. Se la messa in posa è rapida ed eseguita tramite viti, rivetti e rondelle di contenimento, il prezzo finale si abbassa. Se invece è necessario realizzare una scossalina su misura oppure se si verificano complicazioni durante la fase di montaggio, il costo finale potrebbe subire incrementi.

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati