Rubinetti bagno: classici, moderni, a cascata o a muro?

Il bagno è un ambiente prioritario della casa. Funzione e stile si fondono in questo luogo come in pochi altri accade. Alcuni bagni possono essere così eleganti e curati da farci dimenticare completamente il concetto di “spazio di servizio”. In questo contesto, la rubinetteria gioca un ruolo assoluto, e potremmo definire i rubinetti del bagno come i piccoli protagonisti del set. Vediamo insieme design, stile e materiali di questi.

Rubinetti bagno: dettagli di design per catalizzare l’attenzione

Abbiamo parlato del bagno in diverse occasione proprio per la sua importanza. Per esempio spiegando come “Rifare il bagno: quanto costa e le sue lavorazioni”.
Tra le caratteristiche principali del bagno troviamo:

  • Le dimensioni
  • La luminosità
  • La distribuzione dei sanitari

Ma è vero che possiamo essere colpiti tanto da un bagno grande quanto da uno piccolo. Come mai? Perché fanno la differenza alcuni elementi di design ancor più che le proporzioni. Prima di tutto:

  • Pavimento
  • Sanitari
  • Arredi come lo specchio
  • Rubinetteria

In effetti, i rubinetti per il bagno assumono un ruolo fondamentale, poiché questi possono essere un concentrato assoluto di tecnologia, per quanto riguarda la distribuzione e la modalità di erogazione dell’acqua e delle sue temperature e di design, per quanto concerne la loro presenza, i materiali, i colori, la forma.

rubinetti bagno
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Rubinetti bagno: classici e moderni

In generale esistono due tipologie di rubinetti bagno:

  • Rubinetti per il bagno classici
  • Rubinetti per il bagno moderni

Nel primo caso inseriamo la rubinetteria che maggiormente rientra nel nostro immaginario e alla quale siamo più avvezzi:

  • Rubinetti con erogatore centrale ad andamento curvilineo e coppia di manopole laterali a forma di pomo
  • Rubinetti con erogatore centrale ad andamento curvilineo e coppia di manopole laterali a forma di croce
  • Le stesse versioni sopra citate ma con erogatore ad andamento lineare e non curvilineo
  • Rubinetto semplice con manopola unica centrale allungata e a sbalzo

I modelli sopra esposti sono i più frequenti nelle case d’Italia. Nel primo modello, a due manopole, è necessario dosare appositamente acqua calda e fredda in modo da raggiungere la miscela della temperatura che più preferiamo. L’installazione di questa rubinetteria per il bagno l’ha fatta da padrone per moltissimi anni, dopodiché si è passati a modelli con manopola unica e che ormai sta soppiantando i primi. Questo consente la gestione del flusso di acqua e del miscelatore con un’unica leva.

In verità, parliamo di un modello classico poiché già da molto tempo esiste nel mercato e viene installato.

Tuttavia, ad oggi è uno dei modelli più impiegati anche se si presenta in molte evoluzioni stilistiche e di disegno. Pertanto, che si tratti del caso appena esposto, o che si tratti di modelli del tutto innovativi, possiamo annoverare numerosi casi di rubinetteria moderna o per meglio dire contemporanea:

  • Come accennato, l’esempio del rubinetto con una leva unica centrale ha subito moltissime evoluzioni. Ad oggi lo possiamo ritrovare in ottone, cromato, con leve progettate più lunghe a voler esasperare l’effetto oppure più corte in modo da esaltare l’effetto minimale del progetto.
  • Un’evoluzione dell’oggetto sopra citato, prevede lo spostamento della leva, la quale non si dispone più solo centralmente ruotando in modo orario, antiorario e abbassandosi e alzandosi. Oggi la si ritrova addirittura laterale, disposta verticalmente su un piano orizzontale, creando un effetto di asimmetria.

Rubinetti bagno a cascata, a muro e non solo: sviluppi dello stile moderno

Ma l’evoluzione del design non si è fermata, bensì si è spinta fino a forme e modi di utilizzo sempre nuovi.

Perciò, vediamo infine altri modelli che potrebbero fare al caso vostro cogliendo la vostra sensibilità e gusto.

  • Quanto detto finora, solitamente, prevede l’installazione della rubinetteria sul lavabo stesso. Oggi, si ripercorre invece una tendenza vecchia dei primissimi rubinetti, e si posizionano quindi le componentistiche a parete. L’effetto sbalzo è garantito, e spesso si sposa con lo stesso effetto proprio dei sanitari, anch’essi montati frequentemente a sbalzo.
  • Un ulteriore modello, dal funzionamento visivamente davvero cool, è la diffusione dell’acqua a cascata. Praticamente, il rubinetto è prodotto secondo un progetto che prevede l’appiattimento dell’erogatore, il quale restituisce l’acqua con un vero e proprio effetto cascata, così come riscontrabile in natura.
  • Un’ulteriore proposta prevede che sia presente un’unica manopola a forma cilindrica centrale. Potrebbe essere a muro o posizionata sul rubinetto sopra il lavabo. Questa manopola ruota in senso orario e antiorario per impostare la temperatura dell’acqua. Ma, al contempo, possiede un asse di rotazione attorno al quale è possibile modulare leggermente la sua posizione in modo da aprire e chiudere l’acqua.

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
CAP*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Rubinetti bagno: classici, moderni, a cascata o a muro?

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *