Pavimenti per cucina: quali materiali scegliere?

Categorie
Finiture Pavimenti e Rivestimenti Maggio 24, 2021

Scegliere i pavimenti per cucina significa determinare lo stile non solo dei rivestimenti, ma anche degli arredi – almeno di quelli della zona giorno.

Colori neutri, più audaci, fantasie e pattern, texture lucide, opache, materiali naturali o artificiali: le possibilità a tua disposizione sono le più diverse in termini cromatici e nelle caratteristiche tecniche. Selezionare il materiale più adatto per la tua cucina è fondamentale per gettare le basi di un arredamento perfetto. 

Continua a leggere per scoprire quali sono le migliori soluzioni per la pavimentazione di una cucina moderna e funzionale. 

Cucina Nera

Parquet per cucina: pavimenti in legno naturale

Un materiale pregiato, senza tempo, sempre elegante e raffinato: il fascino del legno non lascia indifferente (quasi) nessuno, e il parquet per la zona giorno è una delle soluzioni più ambite. 

Specialmente nel caso in cui questa sia un open space, in cui salotto e cucina comunicano, utilizzare lo stesso materiale per la pavimentazione dell’intero ambiente può aiutare a dare un’idea di maggiore spazio e apertura. 

Il legno si adatta anche molto facilmente a diversi tipi di stili, di arredi, e nelle diverse tonalità in cui è reperibile può essere abbinato senza fatica a qualsiasi palette colori. 

Classico o moderno a seconda dello schema e della tipologia di posa, della texture, il legno naturale è un materiale più delicato delle opzioni artificiali, ma esiste ormai in versioni migliorate, rese più durature e resistenti dalla moderna tecnologia. 

Tuttavia, nel momento in cui si decide di scegliere un pavimento in parquet per interni, ed in particolare per la cucina, occorre considerare che si tratta di un materiale molto delicato. Per questo è necessario fare comunque attenzione alla caduta di oggetti: utensili, posate, pentole e piccoli elettrodomestici.

In quanto materiale assorbente, inoltre, nel caso in cui il parquet in legno si sporchi con cibi e bevande occorrerà provvedere subito alla detersione della superficie, per evitare macchie e danni anche irreparabili. 

La manutenzione è un altro obbligo imprescindibile: sarà necessario ricordarsi di trattare regolarmente il legno selezionato con i prodotti specifici consigliati dal fornitore. 

Tra i legni più adatti per la pavimentazione di una cucina ricordiamo il teak, per esempio, che sopporta particolarmente bene l’umidità, oppure il legno di rovere, più duro e resistente. 

Parquet in legno in cucina

Farko banner

Parquet laminato per cucina

Quale parquet per cucina e bagno? 

Queste due stanze sono spesso le più problematiche: l’uso intensivo e l’umidità sono spesso causa di rotture, crepe e deterioramento degli elementi di arredo e dei rivestimenti in legno naturale. 

Per questo motivo, il laminato è il perfetto parquet per bagno e cucina.

Il laminato è composto da diversi materiali, tra cui il principale, l’HDF (high density fibreboard), fatto di legno e leganti resinosi, stratificati e uniti per pressofusione. 

Questo prodotto conserva lo stesso aspetto del legno naturale, ma è reperibile ad un prezzo più contenuto, è molto più durevole e resistente e facilissimo da pulire, caratteristiche che garantiscono al pavimento una vita molto più lunga, e che lasciano maggiore libertà di utilizzo rispetto al legno naturale.

Il rivestimento in film trasparente che viene applicato come ultimo strato superficiale rende infatti il laminato idrorepellente, estremamente durevole ai colpi, all’abrasione, al calpestio e all’usura in generale. 

Grazie alle moderne tecnologie di produzione e stampa del materiale, il parquet laminato può somigliare così tanto alla sua versione in legno naturale da essere confuso con esso, a occhio nudo. 

Wooden Floor

Pavimenti per cucina in porcellana

Resistente e poco porosa, la porcellana è facile da pulire con qualsiasi prodotto detergente, e non richiede particolare manutenzione.

Esiste in una moltitudine di finish e texture capaci di imitare anche materiali molto diversi come:

  • il legno (un vero e proprio finto parquet per cucina);
  • il metallo (ad esempio l’acciaio);
  • le pietre (per esempio l’ardesia). 

In alternativa è possibile scegliere porcellane in colori pieni o sfumati, o decorate con pattern e fantasie differenti. 

Grazie a questa versatilità, la porcellana si adatta a qualsiasi stile di arredamento, da quelli più moderni e minimal, fino ai gusti più classici. 

Posa del pavimento in cucina

Che cos’è il gres porcellanato?

Il pavimento in gres porcellanato è tra i rivestimenti più utilizzati nell’edilizia moderna. 

Una ceramica compatta composta da una parte di supporto e una parte di smalto, il gres porcellanato è resistente, duro, non è caratterizzato dalla stessa fragilità della classica ceramica ed è particolarmente apprezzato a livello estetico. 

Facile da pulire e senza particolari necessità di manutenzione, il gres porcellanato è un’ottima soluzione per la realizzazione di un pavimento ideale per cucina. 

Pavimenti per cucine moderne: il fascino del marmo 

Affascinante, raffinato, opulento: il marmo è un materiale pregiato per la creazione di rivestimenti e top di lusso nella zona giorno. 

Tra i pavimenti per cucina quello in marmo è senza dubbio il più adatto a far risaltare le caratteristiche di uno spazio arredato con attenzione per il design e i dettagli.

Utilizzare lo stesso tipo di marmo per rivestimenti, top, elementi di mobilio, e soprattutto in modo omogeneo in tutta l’ampiezza di una zona giorno open space, darà un senso di continuità suggestivo e molto moderno. 

Tile Floor

Se l’estetica e la ricchezza del materiale possono renderlo uno dei materiali più ricercati, bisogna ricordare che il marmo è un materiale naturale molto delicato e bisognoso di cure e di una manutenzione regolare, per questo più impegnativo da installare in cucina. 

Poroso e quindi soggetto a macchie e aloni opachi, il marmo naturale va periodicamente trattato con una cera siliconica specifica che ne limiti il potere assorbente, e va lavato con panni morbidi imbevuto d’acqua e un detergente neutro, oppure alcool. 

Sono da evitare i detergenti troppo aggressivi, ovvero con un pH molto basso o molto alto.

Sostanze chimiche, solventi, vernici, ammoniaca, inchiostri e saponi oleosi, così come cibi particolarmente acidi (caffè, vino, pomodori, limoni ecc.), possono altresì causare danni, anche permanenti, qualora non si effettui una pulizia tempestiva della superficie. 

Pavimenti per cucina in resina

La resina è un materiale resistentissimo, personalizzabile e molto versatile negli stili, nei colori e nelle opzioni di posa. 

Con la resina potrai ottenere colori pieni ed omogenei, effetti tridimensionali e scegliere finiture diverse: lucide, opache, con diverse grane. 

Un pavimento in resina è facile da pulire e non richiede cure particolari. 

Pavimento in resina per cucina

Pavimenti per cucina in cemento

Il pavimento in cemento rende la cucina moderna minimal e molto chic, specialmente nelle versioni con finitura lucida. 

Utilizzando questo materiale è infatti possibile realizzare pavimentazioni prive di fughe, che danno un effetto ottico di spazi più ampi e ariosi. 

Il cemento ha un altissimo indice di resistenza ed è disponibile in una vastissima gamma di colori: dalle tonalità naturali alle tinte più accese e particolari.

Pavimenti per cucina in PVC (o vinilici)

Il PVC (o vinile) ha ottime capacità meccaniche e termiche, un’eccellente resistenza agli agenti chimici con cui viene a contatto, ed è facilissimo da pulire. Per questo motivo, i pavimenti in PVC o vinilici sono ideali per la cucina. 

Un pavimento in PVC può essere posato anche su di un pavimento già esistente senza che questo modifichi resa e caratteristiche tecniche del materiale, ed è completamente personalizzabile, ovvero può essere progettato nel colore ed eventualmente con la grafica che si preferisce.

Il PVC è quindi una soluzione particolarmente pratica, oltre che economica, durevole e igienica. 

Pavimento in PVC per cucina

Quale pavimento per la cucina? Come scegliere il materiale perfetto per te

La scelta di pavimenti per cucina perfetti non dipende soltanto dallo stile dell’abitazione, dell’arredamento che vorrai introdurre e dal tuo gusto, ma anche da parametri più tecnici come le modalità di utilizzo della cucina e le necessità date dalle caratteristiche ambientali (condizioni climatiche, umidità, per esempio). 

Una pavimentazione adeguata ai tuoi bisogni e ai tuoi desideri è la base per rendere la tua casa piacevole da abitare tutto l’anno, in tutte le stagioni e in tutte le occasioni. 

Per questo motivo, scegli il supporto degli esperti del mestiere e lasciati consigliare sui migliori materiali costruttivi, le tecniche di posa e gli schemi colore più adatti per valorizzare ancora di più i tuoi ambienti domestici. 

Affidati a Made, gli specialisti della ristrutturazione

Cerca i professionisti più vicini a te, e inizia a progettare la casa dei tuoi sogni, a partire dai pavimenti per cucina perfetti. 

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati