Parquet di rovere: bellezza e stile fuori dal tempo

Sarà capitato a più di noi, nel tempo, di entrare a casa di un amico e di vedere del parquet. Così bello, caldo e avvolgente. La sensazione che dà agli occhi e la percezione di poter camminare scalzi in pieno inverno sono semplicemente impagabili. Ma come si compone un’asse di questo tipo di pavimentazione? Come è formata tecnologicamente? Di che tipo di legno? E come può essere trattata? Vediamo assieme questi argomenti, con un occhio di riguardo per il parquet di rovere.

Parquet di rovere: massello o laminato? Le differenze

Questo è uno degli argomenti che più amiamo. E infatti più volte ci siamo trovati a parlarne, per esempio affrontando assieme come Levigare parquet rovinato: modalità e costi”.

Innanzitutto, come si compone un’asse di parquet? Quante e quali tecnologie produttive esistono? Possiamo definire sostanzialmente due tipi di prodotto:

  • Massello
  • Laminato

Nel primo caso parliamo del metodo di produzione classico, votato all’ottenimento di un articolo di qualità. Per massello, infatti, si intende un’asse composta di più strati di legno sovrapposti fra loro con un incrocio di 90 gradi l’uno rispetto all’altro. Alla fine, quindi, si ha un sistema di layer in cui, essendo garantito l’incrocio delle fibre lignee, viene assicurata la stabilità della pavimentazione nei confronti di assestamenti, deformazioni e dilatazioni che potrebbero rovinare il pavimento finito. Lo strato superiore è in rovere autentico a vista.

Il massello è senza dubbio il parquet vero e solo tramite esso ci assicuriamo il prodotto migliore dal punto di vista materico, funzionale, estetico.

Il laminato è invece dato da un’asse di materiali lignei non nobili e non solo, che vengono impiegati sostanzialmente per dare struttura e spessore all’elemento. Successivamente, su di esso viene superficialmente incollato un sottile strato derivante dal cosiddetto processo di laminazione. Quindi di fatto uno strato di materiale sintetico molto resistente contro lo sfregamento e l’attrito meccanico dato dalla vita quotidiana di tutti i giorni. Su tale strato, in fase produttiva, vengono impresse delle texture, ovvero delle vere e proprie immagini atte a ricreare l’aspetto estetico di un parquet vero.

parquet rovere
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125

Parquet di rovere naturale: l’essenza del legno a casa nostra

In base a quanto riportato sopra, specifichiamo che il laminato è sorto come soluzione economica rispetto al fratello autentico. Infatti, nel caso del massello si devono avere superiormente almeno 3-4 millimetri di rovere autentico. Mentre il laminato è sostanzialmente composto, in sezione, da fibre di legno pressate per la struttura sottostante e un overlay per la parte superiore che rimane a vista. Quindi, anche se sono stati raggiunti buoni risultati estetici, lo riconosciamo facilmente rispetto al prodotto in vera essenza lignea.

Il rovere naturale porta con sé in effetti un fascino forse inimitabile per una serie di caratteristiche intrinseche:

  • La matericità del materiale, ovvero la sensazione netta che abbiamo nel guardare una doga di rovere. Quell’impressione profonda che ci colpisce, come se stessimo osservando un tronco d’albero vero tagliato a metà lungo il suo asse, con tutte le venature e i colori a vista.
  • La sensazione inconscia di calore visivo che scaturisce dall’osservazione del pavimento, inimitabile da altri prodotti.
  • La percezione tattile del pavimento, grazie alla quale coi piedi stessi, camminando scalzi, possiamo apprezzare con forza la lieve scabrosità delle doghe e il loro insito calore, anche nei periodi invernali.

Parquet di rovere spazzolato: come mettere in risalto la materia

Una variante della soluzione classica è il rovere spazzolato, ovvero una versione in cui la lavorazione finale per la messa in posa prevede un passaggio appunto di “spazzolatura”. La superficie della tavola viene quindi trattata con un passaggio di spazzole, processo col quale viene solo esteriormente asportato un sottilissimo spessore di tavola. Poiché il passaggio avviene come detto con delle spazzole, il risultato non è quello di una lamatura. Ovvero non si ottiene una superficie perfettamente complanare, ma una piuttosto scabra, lavorata, materica. Il risultato finale è di grande impatto, con un effetto in cui la consistenza della materia lignea si esprime in tutta la sua forza comunicativa con grande suggestione.

Questa soluzione si è fatta largo negli ultimi anni e la si può apprezzare specialmente se si ha il gusto ricercato e sofisticato dell’interior contemporaneo. Infatti, la sua bellezza risiede nella possibilità di inserire questa finitura in contesti rustici ma non solo. Essa è infatti perfetta anche in progetti d’interno assolutamente minimali e puliti. Il contrasto farà il progetto.

Parquet rovere prezzi: quanto spendere per un buon parquet

Bene, ora concludiamo con qualche considerazione di tipo economico, con cui necessariamente tutti dobbiamo fare i conti.

Ebbene, con le dovute specifiche del caso, possiamo stimare che un laminato di media qualità può essere acquistato a circa 20-30 euro a metro quadrato, mentre un massello si aggira sui 50-80 euro a metro quadrato circa.

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
Email*
Telefono
Provincia*
Tipologia Utente*
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy
Per offrire un servizio migliore vi sarà possibile inviare le richieste di se residenti in una provincia in cui è presente uno dei nostri punti specializzati.

Share

Parquet di rovere: bellezza e stile fuori dal tempo

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *