Pannelli rivestimento cucina e altre soluzioni alternative

Il rivestimento delle pareti della cucina ha un ruolo importante perché ci permette di proteggere le superfici da macchie e sporco e al contempo ci consente di giocare con materiali, colori e geometrie in modo da rendere l’ambiente più interessante e appetibile. Le tecniche per farlo sono tante, fra le quali i pannelli per il rivestimento della cucina.

La cucina e il rivestimento delle pareti: come fare di necessità virtù

Possiamo davvero affermare che questo è uno di quei casi in cui, a pieno titolo, si fa di necessità virtù. Infatti, il rivestimento nasce come pura esigenza per la gestione di una serie di problematiche tipiche della cucina. Come per esempio:

  • La produzione di vapori sprigionati durante la preparazione dei cibi. Questi vapori sono carichi di quanto prodotto in fase di cottura, come per esempio i grassi degli alimenti, e lambendo le pareti si depositano su di esse sotto forma di umidità. Nel tempo gli intonaci si anneriscono e si ungono. 
  • In particolare nella zona superiore al top, ovvero il piano della cucina, si concentra una grande quantità di fumi, vapori e sporco in generale. Basti pensare agli schizzi della padelle durante la cottura, oppure anche agli schizzi che creiamo mentre laviamo un piatto o una pentola nell’acquaio. Quanto detto vale in generale per tutta la zona fra il top e i pensili, dove il fenomeno è aggravato per via della sporgenza dei pensili stessi che tendono a incanalare qui tutto lo sporco. Ma, senza dubbio, il peggio si ha attorno ai fornelli e all’acquaio.

Quindi ecco che un buon rivestimento impermeabile ai vapori e resistente agli urti e allo sfregamento ci permette di gestire bene il problema: pulendo il rivestimento dopo la preparazione dei cibi manterremo la nostra cucina in condizioni di igiene. 

Ma a questo punto, data la necessità, perché non farne un’occasione per valorizzare l’ambiente?

E, infatti, si è sviluppata tutta una fetta di mercato importante appositamente per questi articoli.

pannelli rivestimento cucina
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Le soluzioni classiche per il rivestimento della cucina: le piastrelle

Le soluzioni classiche, ampiamente impiegate ormai da tempo, sono le piastrelle. Queste possono essere in ceramica standard oppure in gres porcellanato, che si caratterizza per qualità meccaniche ed estetiche notevoli. Al riguardo vi suggeriamo la lettura di uno dei nostri articoli dedicati: Gres porcellanato effetto marmo a prezzi contenuti? Sì, è possibile!

Va detto che il concetto di piastrella è piuttosto aleatorio. Non dobbiamo infatti pensare a quell’elemento tradizionale di dimensioni standard, 15x15 o 15x20, e dai colori piuttosto anonimi col quale abbiamo riempito le cucine anni ’60 e ’70

Oggi le piastrelle hanno avuto un sviluppo del gusto davvero notevole, azzardando formati, dimensioni e colori che sconfinano quasi nell’arte contemporanea.

Possiamo trovare combinazioni dei fattori sopra esposti davvero notevoli, come per esempio:

  • Piastrelle di grandi dimensioni in modo da minimizzare le fughe e massimizzare le superfici: 50x70, 50x80, 50x10 centimetri.

Piastrelle ottagonali o in formati originali, anche con colori diversi in modo da creare dei pattern e dei disegni geometrici stimolanti e creativi.

Le soluzioni alternative: pannelli rivestimento cucina adesivi e non solo

I pannelli sono soluzioni alternative che permettono di rivestire la cucina in modo originale, con alcuni vantaggi estetici e funzionali.

Per l’aspetto funzionale, possiamo dire che molto spesso la posa in opera dei pannelli è più rapida rispetto ai sistemi tradizionali anche perché avviene in buona parte delle occasioni a secco, senza quindi l’impiego di colla.

Per pannello intendiamo, in generale, un elemento di dimensioni maggiori rispetto alla piastrella classica e che non necessariamente necessita una procedura di posa ad umido, anche perché i materiali di cui si compone sono i più svariati e alternativi alla ceramica.

Per fare alcuni esempi concreti citiamo:

  • Pannelli in vetro
  • Pannelli in vetro colorato
  • Pannelli in laminato
  • Pannelli in acciaio inox
  • Pannelli in acciaio inox colorato
  • Pannelli in compensato
  • Pannelli in PVC
  • Pannelli in resina simil pietra e simil mattone 

Di fatto, tutte queste soluzioni si prestano allo scopo anche se poi alcune possono essere più performanti, soprattutto in termini di durabilità. 

Per esempio un prodotto in compensato, anche se trattato superficialmente, non avrà una durabilità così elevata come un gres, a causa della sue permeabilità all’acqua. Ammettiamo però la sua grande versatilità ed economicità.

Un pannello in acciaio può essere un’idea davvero interessante sotto il profilo estetico, per la sua natura contemporanea che bene si addice ad una cucina sottoposta a ristrutturazione. Il suo costo, inoltre, viene ampiamente ripagato dalla sua grande durabilità, intrinseca come noto al materiale stesso.

Infine, se siete amanti della muratura faccia a vista, potete installare i pannelli che a riproducono questo effetto. Ci permettiamo di darvi un qualche consiglio al riguardo per la buona riuscite:

  • Scegliete prodotti di qualità: questo vi permetterà un risultato credibile di pregio
  • Eseguite una posa accurata, altrimenti rischiate di perdere l’effetto muratura lasciando intuire la partizione dei singoli pannelli.

Richiedi informazioni:

Share

Pannelli rivestimento cucina e altre soluzioni alternative

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *