Mattonelle per esterni: guida alla scelta per la pavimentazione

Gli spazi esterni sono estremamente importanti sotto il profilo architettonico e urbano. Ne esistono di molti tipi, tra pubblici e domestici, e vivendo noi in un paese con un clima vario, è necessario renderli fruibili in tutte le stagioni dell’anno. Pavimentando un massetto o un selciato, abbiamo la possibilità di viverlo in inverno e in estate senza incorrere in rischi di vario genere, come l’impraticabilità, lo sporco, il fango, il bagnato e lo scivolamento.
Vediamo oggi le mattonelle per esterno e la loro applicabilità.

Mattonelle per esterni: prodotti e criteri per una scelta oculata

In molti casi è necessario provvedere alla pavimentazione degli ambienti all’aperto.

I casi e gli esempi che possiamo analizzare sono molteplici. Qui di seguito riportiamo solo alcune ipotesi:

  • Piazze e corti urbane
  • Marciapiedi, camminamenti e percorsi urbani in generale
  • Viottoli, piazzole e altro nei giardini pubblici
  • Porzioni del nostro resede
  • Terrazze, terrazze a tasca, balconi, lastrici solari e altro

Le mattonelle per esterni devono poter garantire un piano finito pulito e complanare, privo di fessure, scalini e altri difetti che possano mettere a rischio i fruitori.

Un fattore fondamentale è per esempio il comportamento nei confronti dello scivolamento. Gli elementi posti in opera devono possedere ruvidezza e una scabrosità tali da assicurare il grip necessario a chi vi cammina. Queste caratteristiche sono regolate anche ai sensi di normativa.

Nello specifico esistono due leggi tedesche: la DIN 51130 e la DIN 510097.

Altra caratteristica di cui tenere conto è la permeabilità. Se stiamo pavimentando o lastricando una zona esterna posta a livello del suolo e ci adagiamo direttamente sul terreno, la cosa migliore è realizzare interventi che permettano all’acqua di percolare fino al terreno mantenendo il funzionamento del sistema ambientale locale inalterato, come se non vi fosse mai stato posato pavimento alcuno.

mattonelle per esterno
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Pavimenti per esterno carrabili e prezzi medi di mercato

Innanzitutto, se non parliamo di balconi o terrazzi dobbiamo distinguere se i pavimenti dovranno essere:

  • Carrabili
  • Non carrabili

Ora, se dovete lastricare il vostro giardino e l’unico ingresso ad esso disponibile è una porta larga un metro, siete certi che non si verificherà l’evenienza di transitare su di esso con l’auto. In altre occasioni, invece, questo potrebbe accadere e dunque dovete scegliere soluzioni tecnologiche che permettano il transito della vostra automobile.

I materiali riscontrabili nel mercato sono numerosi:

  • Pietra
  • Cotto
  • Elementi in calcestruzzo detti anche masselli autobloccanti
  • Gres

I masselli autobloccanti sono un’ottima soluzione se avete bisogno di garantire stabilità al passaggio di auto, perfetta pedonabilità e al contempo permeabilità del terreno. Sono inoltre economici e questo è certamente di aiuto.

Il massello è un elemento in calcestruzzo gettato in piccole casseformi atte a conferire appunto la forma voluta. La miscela di calcestruzzo può essere colorata in più modi così da gestire con creatività e innovazione il progetto della pavimentazione.

I masselli possono essere poggiati a terra senza colle o malte di alcun genere e questo permette soluzioni economiche, rimovibili e ecologicamente sostenibili. Al di sotto dei masselli viene disposto un letto di sabbia che quindi garantisce la permeabilità del pacchetto tecnologico.

Il prezzo di acquisto dei masselli va dagli 8 euro fino ai 15-17 euro a metro quadrato, e la posa può andare dai 15 ai 30 euro a metro quadrato, per un prezzo totale di circa 30-50 euro a metro quadrato.

Mattonelle per terrazzi esterni: gres porcellanato o klinker

Per quanto riguarda invece altri tipi di esterni, quali per esempio terrazze a tasca, lastrici solari e balconi, è opportuno che vi orientate su altre tipologie di scelta.

Il massello come detto viene posato su un letto di sabbia e inoltre è anche piuttosto pesante.

Quindi non può essere impiegato per superfici costruite.

Una buona soluzione alternativa è l’impiego di gres porcellanato o klinker.

Se procedete in questo modo, il supporto deve essere assolutamente impermeabile. Se ovviamente l’impermeabilizzazione di una terrazza a tasca è da garantirsi sempre e comunque, è però vero che nel caso poggiate sopra delle mattonelle la questione si fa ancora più sensibile.

Infatti, riparare un’infiltrazione con un pavimento posato è cosa complessa, delicata ed economicamente dispendiosa.

Ad oggi, vengono ampiamente impiegate delle guaine liquide bicomponenti che una volta indurite mantengono un’ottima deformabilità e sono del tutto in grado resistere all’alternanza caldo-freddo tipica dei nostri cicli estate-inverno.

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
CAP*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Mattonelle per esterni: guida alla scelta per la pavimentazione

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *