L’impiego del fissativo per una tinteggiatura di qualità

Tinteggiare le pareti di casa, interne o esterne che siano, ci permette di ottenere il rinnovamento dei nostri ambienti abitativi o dell’aspetto esteriore dell’edificio in cui viviamo. Questo vale sia nel caso che riproponiamo gli stessi colori, sia nel caso che scegliamo qualcosa di nuovo. Tuttavia, per aver un risultato di qualità, è opportuno essere certi che prima di tutto il supporto sia solido e stabile. A tale scopo, può fare al caso nostro l’impiego di un buon fissativo. Vediamo assieme il suo funzionamento.

Il fissativo per pittura: che cos’è e a che cosa serve

Innanzitutto facciamo chiarezza su cosa sia il fissativo per pittura e per cosa debba essere impiegato.

Quando tinteggiate, un problema comune è quello di dover gestire il comportamento del supporto sul quale lavorate una volta applicata la tinta. Molto spesso, infatti, esso non è sufficientemente forte e resistente per ricevere l’applicazione della finitura e, quando arriva il momento della stesura del colore, si verificano dei fenomeni di rigonfiamento degli strati vecchi di tinta o delle reali esfoliazioni, quindi sostanzialmente la tinta già presente tende a distaccarsi e seguire la passata della pennellessa o del rullo.

Come poter rimediare a queste criticità? Purtroppo, in alcuni casi particolarmente gravi, è necessario procedere alle rimozione degli strati superficiali o addirittura alla demolizione degli intonaci e al loro ripristino. In altri casi, invece, si può ottenere un ottimo risultato con una applicazione del fissativo a regola d’arte.

Il fissativo è un prodotto che viene passato sui supporti murari prima che questi vengano dipinti.
Ovvero il ciclo corretto prevede le seguenti fasi:

  1. Pulizia del supporto con rimozione della tinta in fase di distacco e di altri eventuali detriti
  2. Recupero del piano tramite finitura, stuccature o quant’altro necessario
  3. Applicazione di una mano di fissativo che normalmente prevede una diluizione con circa un terzo di acqua
  4. Applicazione di due mani di tinta

Il fissativo, una volta penetrato nei pori degli strati superficiali delle vecchie tinte e delle finiture esistenti, garantirà una loro maggiore stabilità e un più omogeneo assorbimento nei confronti della nuova applicazione.

In questo modo, il risultato che otterremo sarà qualitativamente migliore e più resistente nel tempo.

Tuttavia, bisogna fare una specifica al riguardo. Infatti, è corretto dire che si applica il prodotto nella maggior parte dei casi ai contesti da consolidare, ma è buona prassi procedere con la sua applicazione anche nel caso di nuovi intonaci. Infatti, come detto, il risultato del fissativo non è solo quello di rendere più stabile il supporto, ma anche di omogeneizzare l’assorbimento del colore e quindi garantire un risultato finale migliore.

fissativo
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Fissativo trasparente o colorato?

Molto spesso si sente chiedere se il fissativo sia trasparente o colorato. Di default, il fissativo è trasparente. Il prodotto esce nel mercato privo di colore e quando lo stendete, una volta asciutto, è pressoché impercepibile se sia stato o meno impiegato.

Tuttavia, specifichiamo, taluni fissativi sono pigmentabili e quindi nel mercato ritroviamo prodotti già colorati, anche se la prassi prevede l’uso di quelli incolore nella maggior parte dei casi.

Fissativo vinilico o acrilico: le differenze

Un altro nodo di tipo tecnico e tecnologico è la costituzione del fissativo.

Esso, per sua natura, è portato come detto a consolidare gli strati sui quali viene distribuito.

Questo accade perché, all’interno della sua miscela, sono presenti delle resine in sospensione grazie alle quali si ottiene il risultato atteso.

Quali tipi di resine sono presenti al suo interno? Ce ne sono principalmente di due tipi:

  • Resine viniliche
  • Resine acriliche

In molte occasioni si fa uso delle resine acriliche che risultano più appropriate anche nell’ambiente esterno.

Fissativo: il prezzo a mq

Infine, una considerazione in merito al costo di questo prodotto.

Ovviamente è opportuno separare la fornitura del fissativo dalla sua applicazione. Quando chiamate un’impresa di imbianchini per un lavoro di ritinteggiatura, questa vi farà un prezzo a metro quadrato comprensivo di fornitura e posa in opera. Pertanto è sensato specificare il prezzo del prodotto in sé. Diciamo che, con le dovute valutazioni e contestualizzazioni del caso, il prezzo di un buon fissativo si aggira sui 25-50 euro a secchio, considerato che un secchio contiene 14 litri di prodotto.

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
CAP*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

L’impiego del fissativo per una tinteggiatura di qualità

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *