Scopri quali sono le cause ed i primi sintomi delle crepe nei muri

Spesso troviamo nei forum di edilizia un problema comune a molti, ovvero la formazione di crepe nei muri. Queste possono essere talvolta semplicemente una seccatura, talvolta invece addirittura preoccupanti. Vediamo quali sono i casi e le possibili soluzioni, consapevoli che l’argomento in questione è molto complesso e richiede conoscenze pregresse estese. Pertanto vi consigliamo di chiamare un professionista che possa seguirvi con competenza e serietà.

Crepe nei muri: più casi per più fenomeni

Innanzitutto, per parlare di questo argomento, dobbiamo fare un distinguo concettuale sul quale impostare tutta la nostra riflessione. Dobbiamo ovvero ricordarci che le crepe nei muri compaiono per molti motivi diversi ed è necessario analizzare caso per caso per evitare una diagnosi sbagliata che ci porti fuori strada.

Elenchiamo alcuni casi per renderci conto maggiormente di cosa stiamo parlando. Possiamo riscontrare delle crepe murarie in molti contesti fra i quali:

  • Crepe negli edifici in muratura portante
  • Crepe negli edifici con telaio in calcestruzzo armato
  • Crepe nelle pareti interne di un edificio
  • Crepe nelle pareti perimetrali
  • Crepe passanti da facciata a facciata della parete
  • Crepe solo in una delle due facciate
crepe nei muri
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Crepe nei muri pericolose : quando preoccuparsi

Dopo aver spiegato che esistono molti tipi di crepe nei muri, dobbiamo sapere che esistono due insiemi di lesioni che vanno assolutamente distinte per questioni di salvaguardia della sicurezza e della vita delle persone:

  • Quadri fessurativi preoccupanti per la stabilità dell’edificio
  • Quadri fessurativi non preoccupanti per la stabilità dell’edificio

Come fare per valutare gli elementi sopra esposti e renderci conto del caso in cui ci troviamo?

Dapprima suggeriamo di riconoscere la struttura portante del nostro edificio.

Principalmente distinguiamo fra:

  • Edificio in calcestruzzo armato
  • Edificio in muratura portante

Nel caso del calcestruzzo armato dobbiamo osservare le lesioni di nostro interesse e valutarle.

  • Molto spesso, per questioni di natura termica o assestamento del terreno, si sviluppano dei parziali allontanamenti fra travi e i pilastri in calcestruzzo e tamponature in laterizio. In tal caso, non abbiamo questioni di ordine strutturale e quindi la stabilità del manufatto è assicurata. Tuttavia dobbiamo prestare attenzione.Infatti in presenza di eventi sismici si potrebbe verificare un distacco fra la parete e la struttura che può risultare molto pericoloso.
  • A volte, invece, si possono presentare lesioni che interessano l’ossatura stessa. Allora facciamo attenzione perché la struttura portante potrebbe essere a rischio e c’è bisogno di analizzare più a fondo il problema.

Se invece l’edificio in questione fosse in muratura portante, prestiamo attenzione al tipo di fessure e al loro andamento. La materia è davvero molto complessa e non possiamo affrontarla in modo esaustivo in questa sede, tuttavia valutiamo i casi principali:

  • Alcune lesioni interessano le pareti perpendicolari alle facciate in prossimità delle facciate stesse e queste possono essere molto preoccupanti perché possono dare adito a ribaltamenti di facciata.
  • Alcune lesioni possono riguardare le facciate o i muri interni indistintamente. Queste fessure hanno un andamento ad “X” e spesso si concentrano nelle fasce a cavallo fra le aperture. In tal caso siamo in presenza di lesioni createsi durante eventi sismici che hanno inficiato la funzione resistente delle zone di muratura fessurata.
  • Altri tipi di lesione, disposte genericamente con andamento obliquo, testimoniano il cedimento differenziale delle fondazioni le quali traslando verso il basso si trascinano la muratura appresso.

Crepe nei muri interni

Per parlare dei muri interni, possiamo applicare quanto detto fino ad ora poiché vale anche in questo caso. Tuttavia, analizziamo anche l’eventualità che ci sia un abbassamento del solaio sottostante le pareti, nel caso ci troviamo a piani rialzati. A questo punto necessariamente si verificano delle lesioni di assestamento.

Crepe nei muri dopo ristrutturazioni

In fine l’ultimo caso di questo breve compendio. Ovvero le crepe a seguito di ristrutturazioni. Anche in questa circostanza quanto detto vale comunque, sebbene ci siano da fare delle valutazioni specifiche. Infatti, se abbiamo appena rifatto gli intonaci di casa, è molto improbabile che si manifestino quadri fessurativi dati da abbassamenti fondali o ribaltamento di facciata incipiente. La stuccature delle lesioni, infatti, dovrebbe garantire lo stallo per un periodo sufficientemente lungo. Se dopo alcune decine di giorni si manifestano ragnatele e fessure, allora ciò significa che siamo in presenza di fenomeni di ritiro degli intonaci dati da alternanza umido-secco, siccità del clima e dell’ambiente o cattiva esecuzione.

Crepe nei muri soluzioni

Non ci pare né possibile né opportuno fornire in questa sede soluzioni adeguate per tutti i tipi di problematiche che, come visto, possono essere davvero numerose. Pertanto, poiché ora sarete più consapevoli sull’argomento, vi suggeriamo di chiamare un professionista di vostra fiducia prima di agire, in particolare se reputate che il quadro fessurativo in questione sia di natura preoccupante.

 

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
CAP*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Scopri quali sono le cause ed i primi sintomi delle crepe nei muri

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *