Come insonorizzare una porta: fai da te e metodi operativi

Categorie
Porte da Interno Porte e Finestre Novembre 25, 2021

In questo articolo, ci concentreremo su come insonorizzare una porta grazie al fai da te.

Vostro figlio o il vicino di appartamento ha per caso abbracciato una nuova passione per la chitarra elettrica o per la batteria?

Che sia qualcuno di famiglia o qualcun altro l’artefice del baccano, ha poca importanza: ci sarà sempre qualche vittima che farà fatica a lavorare, studiare, dormire perché le porte di casa vostra non sono in grado di trattenere i suoni di passaggio.

Per ovviare a questo problema, focalizziamoci insieme sulle seguenti tematiche:

Insonorizzare una porta per ridurre l'inquinamento acustico

Vaga 810 x 125

Isolare acusticamente una porta: da dove partire?

Precedentemente abbiamo affrontato insieme il tema dell’insonorizzazione di un solaio di calpestio. Oggi ci occupiamo invece di un’altra tematica, quella relativa a sapere come isolare acusticamente una porta con il fai da te.

Prima di procedere in modo pratico, dobbiamo considerare quale tipo di porta siamo interessati ad insonorizzare.

Quando si tratta di insonorizzare una stanza, partendo dalle porte, c’è molta differenza a seconda che si tratti di una porta esterna d’ingresso all’abitazione o una porta interna che separa una camera da letto dal disimpegno comune.

Materiali per l'insonorizzazione delle porte

Come insonorizzare la porta d’ingresso

Nel primo caso tenete conto che avete a che fare con suoni che provengono da fuori: urla, schiamazzi, clacson, sirene, rumori e urti tipici dei cantieri stradali.

In questa circostanza è opportuno che pensiate soprattutto a casa vostra e alle sue prestazioni acustiche complessive, non solo in relazione al portone esterno in questione.

Infatti, se per esempio avete finestre datate con un vetro singolo è molto probabile che se procederete esclusivamente all’isolamento acustico della porta d’ingresso investendo tempo e denaro in quel singolo frangente, l’impegno non sarà valso la pena.

Gli altri infissi risulteranno comunque poco efficienti dal punto di vista acustico e quindi non percepirete un beneficio reale dal lavoro svolto. Al contrario, qualora aveste infissi già insonorizzati, allora potrebbe essere adeguato intervenire sul portoncino d’ingresso.

Isolamento acustico delle porte interne: si può partire da qui?

Nel caso si tratti invece di una porta interna le valutazioni sopra non sussistono.

In effetti, quando si è intenzionati a procedere con l’isolamento acustico in casa spesso lo si fa per una questione di privacy, non vogliamo che i nostri suoni vengano percepiti dagli altri inquilini fuori dalla nostra camera.

Oppure, potrebbero infastidirci le voci e i rumori degli altri ambienti che arrivano a noi. In entrambi i casi isolare la porta diventa un valido aiuto.

Eventualmente, se ci mette a disagio il rumore di casa, isolando la porta potremmo comunque rimanere col problema delle infiltrazioni acustiche che dall’ambiente esterno ci arrivano attraverso la finestra.

In verità, questo è però un problema minore, poiché il chiacchiericcio dei bambini che giocano per strada o il treno che passa in lontananza quasi sempre costituiscono un brusio indistinto di sottofondo al quale siamo in grado di abituarci.

Insonorizzazione degli infissi

Insonorizzare una porta: i materiali da scegliere per il fai da te

Le considerazioni sopra esposte sono molto importanti. Infatti procedere alla diretta insonorizzazione della casa a partire dalle porta senza le dovute considerazioni iniziali può risultare inconcludente.

Vediamo ora come insonorizzare una porta in modo efficace con il fai da te. Innanzitutto, consideriamo i materiali che possono funzionare come isolanti acustici.

  • Pannelli sintetici generalmente poliuretanici
  • Schiuma sintetica generalmente poliuretanica
  • Lana di vetro
  • Lana di roccia
  • Gomme ad alta densità

L’intervento migliore prevede lo smontaggio della porta, il suo posizionamento su due cavalletti e l’applicazione di un pannello o un insieme di tessere dei materiali sopra citati sulla superficie interna della porta. La procedura si articola come segue:

  • Posizionate la porta sue due cavalletti
  • Smontate la maniglia per avere le lavorazioni agevolate
  • Disponete del materiale incollante così da fissare i pannelli fonoassorbenti: per esempio del biadesivo di qualità
  • Dopo averli ritagliati della giusta misura, posizionate i pannelli fonoassorbenti sulla porta

Tenete conto che i pannelli sopra citati vengono distribuiti con varie misure – di norma si possono reperire facilmente formati 120×200 cm – e colori.

Certo dovrete scegliere così da ottenere un risultato finale piacevole. Spesso possono essere anche rivestiti.

Insonorizzare una porta con il fai da te: alcuni accorgimenti pratici

Ora veniamo agli ultimi consigli. Ricordate che il suono si propaga benissimo in assenza di materia.

Ciò significa che, se svolgete un lavoro ad hoc con perizia e cura sull’anta stessa della porta ma dimenticate alcuni dettagli avrete lavorato per nulla. Quindi:

  • Curate la battuta della porta sul telaio
  • Curate la fessura porta e pavimento

Per il primo caso preoccupatevi di applicare delle guarnizioni sulla battuta di chiusura dell’anta sul telaio. Queste avranno una funzione ermetica di isolamento molto significativa.

Nel secondo caso, normalmente, si applica alla parte bassa della porta una cosiddetta ghigliottina, vale a dire una sorta di guarnizione che rimane a contatto col pavimento, spazzolandolo quando la porta viene aperta e chiusa. Questo accorgimento impedirà il passaggio di suono sotto la porta.

Bene, a questo punto sapete tutto ciò che c’è da sapere per procedere con l’isolamento acustico di casa e tutte le dovute valutazioni come se foste tecnici esperti e quindi procedere all’insonorizzazione pratica di una porta. Buon lavoro!

Richiedi informazioni:

Articoli Correlati