Cemento rapido impermeabilizzante, la velocità di presa fa la differenza

Categorie
Consolidamento Strutture Edilizia 19 Agosto, 2016

Non sempre gli interventi di restauro si limitano alle faccende di manutenzione ordinaria delle nostre abitazioni. Ci si trova a far fronte anche a casi più complessi, ad esempio pareti che soffrono della spinta idraulica e presentano una gestione complessa dell’umidità, oppure opere idrauliche che devono sostenere il contatto costante dell’acqua e la relativa spinta. Per lavori semplici e meno semplici, Weber propone Weber.dry bloc, un cemento impermeabilizzante a presa istantanea.

Impermeabilizzazione e salubrità degli spazi

Avere un ambiente al riparo da infiltrazioni d’acqua, che regga bene la spinta idraulica indotta da una massa d’acqua o che risulti stabile se a contatto costante con elementi umidi come, ad esempio, il terreno di riporto dei muri controterra, significa avere un ambiente in buona salute, aspetto che ne aumenta la salubrità e la vivibilità per i fruitori dello stesso. Un ambiente ben impermeabilizzato e con il giusto grado di traspirazione al passaggio di vapore acqueo non presenterà problemi di umidità e di risalita capillare, mettendo al sicuro non solo le finiture superficiali, ma l’integrità stessa della porzione muraria a contatto con la spinta idraulica generata da masse d’acqua più o meno consistenti. Per queste ragioni è fondamentale usare prodotti impermeabilizzanti di alta qualità che garantiscano alte prestazioni. Weber.dry bloc, cemento rapido impermeabilizzante, consente di effettuare lavori di impermeabilizzazione rapidamente anche in ambiente fortemente soggetti a fenomeni di risalita acquea permanente.

Weber.dry bloc, la soluzione rapida ai problemi di umidità

Weber.dry bloc è un cemento impermeabilizzante a presa rapida che, grazie alla particolare mescola, agisce istantaneamente e tampona efficacemente risalite d’acqua e umidità anche in ambienti fortemente ostili. Weber.dry bloc è consigliato su diversi fronti, che vanno dalle ordinarie manutenzioni in casa, fino a opere di ingegneria civile. Questo cemento rapido è ottimo per far fronte alle piccole manutenzioni domestiche, interventi che riguardano la risalita d’acqua a livello pavimentale, parietale o sui solai di copertura, si trovino questi elementi in interno o in esterno. Ma il cemento impermeabilizzante Weber.dry bloc è usato anche in campo ingegneristico, adattandosi perfettamente all’impermeabilizzazione di fondazioni a platea in calcestruzzo e alla cura di muri che reggono la spinta idraulica controterra. Alzando ancora il livello di complessità di intervento, troviamo applicazione per il cemento rapido impermeabilizzante Weber.dry bloc anche su vere e proprie opere idrauliche e gallerie. Particolamente utile risulta, poi, per la capacità di far presa in tempi rapidissimi, per il fissaggio di canaline di drenaggio, indispensabili per arginare venute d’acqua e gestire particolari condizioni cantieristiche.

Weber.dry bloc, caratteristiche e modi di impiego

Weber.dry bloc è un cemento impermeabilizzante a presa rapida che resta lavorabile per circa 30 secondi dal momento in cui viene impastato. Questa caratteristica è da tenersi in estrema considerazione poiché incide sulle quantità di impasto da realizzarsi al fine di avere un prodotto perfettamente efficace. Per questo si consiglia di impastare poca polvere, una o due cazzuole, la quantità che si riesce a lavorare in mezzo minuto. Una volta impastato con le mani, esso viene applicato immediatamente direttamente a mano, ponendo la giusta quantità di prodotto adatta al tipo di lavoro che si va ad eseguire. Come ogni prodotto a base cementizia, anche il cemento rapido Weber.dry bloc per fare presa efficacemente necessita di essere applicato su una superficie pulita, ruvida e ben coesa. Se si hanno superfici umide, che lacrimano, si consiglia di applicare il cemento impermeabilizzante Weber.dry bloc direttamente in polvere sulla superficie, strofinandolo e distribuendo l’impasto ottenuto con cura.

Richiedi informazioni sui prodotti presenti nell’articolo:

Articoli Correlati