Calcolo metri quadri: guida al metodo e consigli pratici

Il calcolo metri quadri è un esercizio pratico nella vita quotidiana. Quante volte ci è capitato di dover calcolare l’area di superficie di un ambiente così da sapere quante piastrelle comprare per rinnovarlo? Oppure abbiamo avuto bisogno di calcolare i metri quadrati delle pareti di casa nostra per valutare quanta tinta acquistare per procedere alla tinteggiatura? Vediamo quindi quel che c’è da sapere e i trucchi pratici per procedere in modo funzionale e agevole.

Quando serve calcolare i metri quadri?

Come anticipato, le circostanze in cui potremmo avere bisogno di svolgere un calcolo delle superfici sono molteplici. Per esempio:

  • Valutazione della superficie di un ambiente
  • Calcolo metri quadri di una parete
  • Calcolo dell’area di superficie di qualche figura geometrica, come triangoli, rettangolo, cerchi e altro

Tuttavia, può non essere del tutto banale: sia in termini teorici, sia in termini applicativi, di metodo pratico. Quindi vediamo alcune situazioni ricorrenti e come comportarsi operativamente.

calcolo metri quadri
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Calcolo metri quadri stanza: un caso ricorrente

Un classico è la valutazione della superficie di una stanza.

Vogliamo per esempio rinnovare le piastrelle del living. Vogliamo posizionare un parquet su tutta casa perché la ceramica ci ha stancati. Oppure, caso più impegnativo, dobbiamo occuparci del rifacimento degli impianti di casa perchè sono vetusti e allora decidiamo di demolire pavimenti e massetti per realizzare un riscaldamento a pavimento.

In questo caso, visto il costo di realizzazione a metro quadro piuttosto elevato dei pannelli radianti, il calcolo è necessario e deve essere preciso. Non solo: sarà infatti necessario anche gettare i nuovi massetti. In questo caso dovremo calcolarne il volume e, ancora una volta, abbiamo bisogno di conoscere prima inevitabilmente la superficie.

È vero che un professionista ci aiuterà e così pure la ditta: ma non disdegnamo la possibilità di verificare i conteggi in autonomia, anche solo per soddisfazione personale.

Dunque: casi pratici, regole pratiche. Gli ambienti, nella maggior parte delle occasioni, sono quadrati o rettangoli. Questo significa che con una semplice regola geometrico-matematica riusciamo a fare tutto:

  • Area di Superficie Quadrato - Rettangolo = Base x Altezza

Tanto basta sapere. Prendete un metro, misurate i lati e moltiplicateli fra loro.

Calcolo metri quadri triangolo: perché è importante saper come fare?

Perché dovremmo sapere anche come calcolare l’area del triangolo? Al di là degli aspetti di pura curiosità e piacere proprio, non dimentichiamo il caso delle abitazioni che presentano superfici come si suol dire fuori squadro. Vale a dire, ambienti che hanno un andamento del tipo trapezoidale.

In questi casi, è sempre possibile dividere l’ambiente in un quadrato accostato ad uno o due triangoli. Abbiamo visto come calcolare il quadrato, a questo punto sommeremo ad esso la superficie del triangolo. Oppure calcoleremo in presa diretta il trapezio.

  • Area di Superficie Triangolo = (Base x Altezza)/2
  • Area di superficie Trapezio = (Base maggiore + Base minore)x Altezza/2

Calcolo metri quadri parete: il problema dell’altezza

E se dobbiamo gestire il calcolo della superficie di una parete?

Niente di più facile, infatti nulla cambia rispetto ad un comune pavimento.

La difficoltà, certo, starà nella misurazione dell’altezza. Normalmente i soffitti ed i plafoni sono alti intorno a 2.70, 2.80 o più metri. Come fare misurare questa quota?

Ci sono due strade:

  • Potete fare un piccolo investimento e procurarvi un misuratore laser. Non è uno strumento che utilizzerete molto spesso forse, ma comunque può essere utile in più circostanze e avrete nella vostra valigia di attrezzi fai da te una risorsa in più. Potete trovarne di buoni anche a 100 euro circa, un investimento non poi così impegnativo.
  • Vi servite di un metro a nastro, ovvero di quelli avvolgibili. Posizionate lo zero a terra, contro lo spigolo che si forma fra pavimento e battiscopa. Poi con la punta del piede lo tenete saldo in quella posizione. Quindi, estendete il metro verso il plafone fino a raggiungerlo. Siccome non potete raggiungere con la mano alzata l’altezza desiderata, dovrete piegare il nastro metallico del metro rivoltandolo su se stesso. Con una mano tenete saldo il nastro, con l’altra il metro –ovvero il contenitore vero e proprio dentro il quale il metro si riavvolge, la “scatoletta metallica”. E, facendo scorrere il nastro fuori dal dispositivo raggiungete il plafone con la piega del nastro stesso. Oppure, raggiungete il plafone con lo zero del metro, scendete a metà altezza della parete, bloccate il metro a quella quota con una mano e da lì scendete di nuovo fino al pavimento.

Come calcolare i metri quadrati dai centimetri

Infine, per non trovarci in impaccio: come passare dai centimetri ai metri quadrati?

Dunque, si presentano due casi:

  1. Passiamo da centimetri lineari a metri lineari e poi calcoliamo i metri quadrati.
  2. Oppure passiamo direttamente da centimetri quadrati a metri quadrati.

Nel primo caso, dovremo prendere le misure in centimetri. Poi salteremo due posizioni nella misurazione ottenuta spostando la virgola verso sinistra, e quindi moltiplichiamo. Esempio pratico: 450x390 centimetri diventerà 4.50x3.90 metri. Area 17.55 metri quadrati.

Nel secondo caso, invece, dobbiamo spostare la virgola di quattro posizioni. Avremo, quindi, 450x390=175500 centimetri quadrati. Ovvero 17.55 metri quadrati.

Richiedi informazioni:

Share

Calcolo metri quadri: guida al metodo e consigli pratici

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *