Bagno turco in casa: un piccolo lusso domestico

Il bagno turco è qualcosa di cui tutti abbiamo sentito parlare più volte ma probabilmente non sappiamo con esattezza come funziona e quali benefici apporta. Inoltre, esso viene spesso confuso con la sauna. Perciò, vediamo oggi di cosa stiamo parlando e come si realizza un bagno turco in casa.

Il bagno turco: cos’è come funziona?

Cos’è dunque il bagno turco, detto anche hammam? E quali sono le due differenze rispetto alla sauna, se ce ne sono?

La sauna nasce e si sviluppa nei paesi nordici, ovvero della Scandinavia. Il bagno turco invece prende forma all’interno della cultura araba e quindi nel bacino geografico di riferimento.

La sauna è normalmente costituita da un ambiente internamente rivestito in legno e si caratterizza per temperature molto alte, anche oltre i 50-60°. In queste circostanze, come la fisica vuole che sia, non è pensabile un ambiente con una temperatura unica, bensì vi è sempre un gradiente che impone una temperatura minore a terra e una maggiore mano a mano che si sale verso l’alto.

La sauna si caratterizza per umidità interna bassa, attorno al 20-30% e, per via dell’alta temperatura, è possibile sostare al suo interno solo per periodi contenuti.

Il bagno turco ha tendenzialmente una temperatura più bassa, e questo è comprensibile se contestualizzato all’area geografica in cui è nato, dove la temperatura è già tendenzialmente alta di per sé.

Tuttavia, la più importante differenza rispetto alla sauna è l’umidità interna elevata, e che raggiunge anche il 100% in questo caso.

Per i motivi sopra elencati, è possibile sostare all’interno del bagno turco più tempo rispetto alla sauna, anche per alcune ore. Non a caso, esso sorge con l’idea di assicurare igiene personale e relax alle persone che lo frequentavano.

Il bagno turco moderno vede come soggetto principale un generatore di calore per assicurare la giusta temperatura e un generatore di vapore. In verità, già dei riscaldamenti ben funzionanti possono essere sufficienti, e il protagonista diventa il generatore di calore. Questo infatti svolge unitamente due funzioni: dapprima quella di immettere vapore nell’ambiente e la seconda, come conseguenza naturale, di innalzare la temperatura, di fatto in autonomia.

bagno turco in casa
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Bagno turco benefici: perché un uso regolare migliora la salute

I benefici del bagno turco sono numerosi e merita elencarli in modo sintetico per avere un’idea in merito:

  • Il calore e il vapore presenti distendono la pelle, favorendone la salute. Inoltre allargano i pori garantendo, grazie alle forte sudorazione, l’espulsione di liquidi in eccesso e tossine.
  • Le condizioni termoigrometriche creano un ambiente di sostegno alle articolazioni in genere, aiutando coloro i quali soffrono di dolori e reumatismi a stare meglio. Ma anche coloro i quali sono ancora giovani e in perfetta salute beneficiano degli effetti preventivi del bagno turco.
  • Il bagno turco è un toccasana per il sistema respiratorio, innalzando le difese immunitarie e prevenendo l’insorgenza di tosse, mal di gola, raffreddore e infezioni in genere del cavo orale e nasale.

La condizione di calore e umidità diffusi crea sensazioni di relax e quindi giova fortemente all’umore e al benessere psichico della persona.

Bagno turco costi: quanto spendere per realizzare una struttura privata

Quanto può costarci crearne uno a casa nostra?

Se già disponiamo di un ambiente da convertire, per esempio un bagno in più o un ripostiglio, questo già è un grosso risparmio. Dovrà essere di dimensioni contenute, per garantire la facilità di riscaldamento e saturazione in termini di vapore. E, sempre per questo, dovrà essere non superiore ai 2.50 metri di altezza.

Tutti questi fattori fanno la differenza, perché in base a ciò, le operazioni da svolgere saranno:

  • Abbassare il soffitto con un controsoffitto se l’altezza è eccessiva.
  • Assicurarsi che le superfici siano adeguatamente piastrellate per gestire al meglio il vapore. Se passate da un bagno ad un hammam partite agevolati.
  • Dovrete eventualmente creare un muro divisorio se non disponete già di un ambiente.

Quindi, rimane l’ultima questione importante: il generatore di vapore. Questo si può trovare nel mercato con una buona qualità anche a 1000 euro, ma ovviamente i prezzi variano in base alla qualità e alla potenza dell’articolo. A tale proposito, occhio al contratto di fornitura di energia elettrica di casa vostra. Se acquistate un generatore di vapore da 2.8 KW di potenza, giusto per fare un esempio, vi potrete permettere appena di accendere due lampadine. Accendete qualcosa in più, e salterà la corrente!

Dunque, ciò detto, in base agli articoli che acquisterete e in base alle opere edili necessarie, potrete spendere da 1500 ai 8000-10000 euro in tutto.

Richiedi informazioni:

Share

Bagno turco in casa: un piccolo lusso domestico

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *