Come arredare il bagno per il nostro benessere quotidiano

Rilassarsi e prendere un momento per la cura di sé, è questo quello che ci si aspetta da un bagno che diventa, sempre più spesso, il luogo dei quotidiani piccoli riti di benessere. E’ evidente quindi che arredare il bagno è un’operazione da fare con la massima cura e attenzione, al fine di unire la piacevolezza estetica di mobili e sanitari a un alto grado di funzionalità. Estetica e praticità sono infatti due caratteristiche che vanno esattamente di pari passo nella scelta dell’arredo dei mobili da bagno.

Estetica e praticità sono importanti per scegliere come arredare il bagno

La stanza da bagno, rivestimenti e praticità

Arredare il bagno significa fare i conti con l’elemento cardine della stanza: l’acqua. Per questo motivo la prima cosa da tenere a mente quando di inizia a pensare come arredare il bagno è cercare un rivestimento che ci permetta una facile manutenzione. Ogni superficie del bagno e dei mobili da bagno è infatti interessata direttamente o indirettamente dall’acqua. Che sia acqua corrente, come nel caso dei sanitari, del box doccia o della vasca, oppure che sia acqua condensa che si posa sulle superfici dei rivestimenti e dei mobili, l’umidità e i residui calcarei sono due elementi che influenzano e determinano il grado di comfort della stanza da bagno. In particolare, la scelta del rivestimento assume grande importanza poiché è la superficie più vasta che si ha in bagno, una pelle che mostra i segni di gocce, residui calcarei e di sapone.

Il primo fattore da tenere inconsiderazione è, quindi, la praticità nella pulizia e disinfezione dei rivestimenti. Le pietre naturali conferiscono alla stanza un fascino classico ma ciò non vuol dire che non possano ben accordarsi con un arredo bagno moderno, basterà trovare la sfumatura e la geometria che si sposino bene con la scelta dei mobili da bagno dalle linee contemporanee e il risultato sarà di grande effetto. E’ però importante ricordarsi che non sono adatte superfici troppo porose: acqua e sapone potrebbero rovinare in maniera sostanziale la pietra.

Molta libertà compositiva nell’arredare il bagno si ha con l’uso di rivestimenti ceramici. Dai gres fino alle composizioni più tecnologiche, l’industria del decoro dei rivestimenti propone continuamente nuove soluzioni per le superfici. Dal ritorno delle fantasie optical in voga negli anni ‘70, fino a grandi lastre monocrome dall’aria minimal e asettica, passando per i mosaici, l’unico limite alla scelta del rivestimento è la fantasia e il gusto di chi arreda. Certo è, che alcuni piccoli accorgimenti possono fare la differenza nell’arredo il bagno…

Bisogna valutare come disporre i mobili da bagno

Elementi fondamentali per arredare il bagno

I mobili da bagno principali che ci troveremo a dover scegliere per arredare il bagno in modo funzionale sono: doccia o vasca, tazza, bidet e lavabo con annessa specchiera. A questi elementi cardine possiamo dover trovare spazio anche per la lavatrice e per mobili di contenimento come scarpiere o porta asciugamani. Siccome tendenzialmente i bagni hanno dimensioni per loro natura non eccessive, l’intera progettazione di complementi per il bagno punta all’ottimizzazione degli arredi, in questo campo l’arredo bagno moderno è materia di numerosi studi e sperimentazioni con soluzioni a volume ridotto e ad alta funzionalità.

Bagni piccoli: colore e funzionalità in poco spazio

Se il nostro appartamento non è troppo spazioso è possibile che i nostro bagno sia di dimensioni ridotte o ridottissime. Se pochi metri quadri sono effettivamente un problema quando si parla di zone giorno o stanze da letto, un bagno di piccole dimensioni è meno problematico di quanto si pensi.
Arredare il bagno avendo a disposizione pochi metri quadri ci impone delle scelte vincolate come, ad esempio, il dover preferire la doccia alla vasca da bagno e dover scegliere lavabo a dimensioni minime. Se ci sono vincoli nella scelta dei mobili da bagno. restiamo però liberi di scegliere il rivestimento che più ci piace.

Per ottenere il massimo da un bagno di piccole dimensioni si possono perseguire due vie: usare rivestimenti e mobili chiari che diano l’impressione di amplificare lo spazio, oppure osare con superfici colorate, avendo cura di non esagerare con eccessivi decorativismi - disegno a trama fitta, greche troppo importanti, tendono a creare un effetto horror vacui che a lungo andare stanca facilmente l’utente-. Se i metri quadri sono pochi si può scegliere, ad esempio, di arredare il bagno con un pavimento molto colorato che si bilanci con la sobrietà dei rivestimenti parietali oppure scegliere toni sobri magari da impreziosire con qualche elemento di stacco come cornici per specchi ricche oppure rivestire il box doccia con elementi in mosaico colorato, mantenendosi sui toni scelti per l’intero ambiente. Questo tipo di atteggiamento vale sia per un arredo bagno moderno sia per uno stile più classico.

Come già accennato, molto spesso nell’arredare il bagno di piccole dimensioni ci si trova a dover scegliere forzatamente delle soluzioni per sanitari. Se per ragioni di spazio non si può avere una vasca, in commercio ci sono numerosissime soluzioni di box doccia che uniscono a una ridotta volumetria una grande funzionalità: dalla cromoterapia fino all’idromassaggio, non è necessario disporre di grandi stanze per avere il comfort che desideriamo. Il mercato del design ha ben compreso, infatti, che lo spazio delle nostre abitazioni va comprimendosi e le collezioni di mobili da bagno prevedono quasi sempre che uno stesso pezzo sia disponibile in più dimensioni, dalla più grande adatta a grandi spazi, fino alle minime, collocabili anche nei bagni più piccoli. In questo, i complementi da arredo bagno moderno mostrano una vastissima gamma di prodotti tra cui scegliere: il design è sempre più vicino alle esigenze reali dei consumatori.

Bagno grande: come usare bene lo spazio a disposizione

Se la casa che stiamo ristrutturando è stata costruita negli anni ‘70-’80, è possibile che abbia un solo bagno ma molto spazioso, tendenzialmente lungo e stretto. E’ la situazione tipica che ci trova di fronte quando si trova ad arredare il bagno di una casa di qualche decennio fa.
Un bagno grande non è sempre più facile da gestire di un bagno piccolo: non avere vincoli spaziali pressanti può indurre a una gestione non ottimale della superficie a nostra disposizione. Quando si scelgono i mobili da bagno per una stanza spaziosa, la libertà è indiscutibilmente maggiore e si possono trovare soluzioni interessanti originali che integrano forma e funzione. Ad esempio nell’arredare il bagno spazioso possiamo scegliere tra innumerevoli tipi di vasca da bagno: dalla standard a incasso fino a soluzioni con idromassaggio oppure, se la stanza lo permette, anche una vasca centrale in stile classico con piedini rialzati: un elemento importante che dà forte personalità all’intera composizione.

Il rivestimento di un bagno spazioso ci permette di poter scegliere anche soluzioni grafiche complesse: molto in voga e di grande effetto sono le composizioni di grandi lastre ceramiche che compongono illustrazioni murali assai scenografiche, una soluzione, questa, che va abbinata a sanitari e accessori sobri e dalle linee pulite che ci permettano di arredare il bagno con gusto ed equilibrio.
Se invece vogliamo lavorare sul colore, è bene concentrarlo in alcuni punti come ad esempio un bel contrasto tra rivestimento complessivo e box doccia: troppe piccole macchie di colore spare qua e là rischiano l’effetto maculato, mentre un unico colore diventerebbe, specialmente se intenso, difficile da gestire sulla lunga distanza.

L'arredo bagno moderno mostra una vasta gamma di prodotti

 Come disporre i mobili da bagno

La disposizione dei mobili da bagno è strettamente connessa alla geometria della stanza.
Per le stanze lunghe e strette con finestra opposta alla porta abbiamo due lunghe superfici libere su cui disporre i sanitari che, spesso, si riducono a una poiché la larghezza complessiva non permette diversamente. In questo caso la disposizione forzatamente in linea ci permette di usare la parete libera come superficie di appoggio per mensole a cui, se ci piace osare con elementi grafici, possiamo affidare ance una funzione decorativa, c’è infatti spazio per soluzioni che rispecchino il nostro gusto.
In ogni caso valgono sempre alcune semplici regole per arredare il bagno:

  • luce naturale vicino allo specchio;
  • sanitari non davanti allo specchio;
  • luci complessive soffuse;
  • buona qualità delle luci puntuali (preferibilmente a luce bianca naturale);
  • prevedere punti di appoggio vicino alla vasca-box doccia

Bagno e umidità

Quando si tratta di arredare il bagno sappiamo che avremo a che fare con un ambiente umido e che l’umidità è la prima causa della formazione di muffe. Per ovviare a questo problema, acuito dal fatto che gran parte delle pareti del bagno sono antitraspiranti poiché soggette a rivestimento murale, possiamo scegliere dei trattamenti appositi per le superfici che intonacheremo. In commercio ci sono molti prodotti adatti al trattamento preventivo delle muffe che sono compatibili con qualunque tipo di finitura traspirante useremo. Inoltre, è bene prevedere un piccolo sistema di areazione forzata alle finestre che ci permetta un continuo ricambio d’aria senza eccessiva dispersione termica e, qualora il bagno non preveda finestre, sincerarsi che l’impianto di areazione forzata dia adatto al volume d’aria da movimentare, così da evitare ristagni di vapore e le conseguenti usure della stanza.

Richiesta informazioni:

Share

Come arredare il bagno per il nostro benessere quotidiano