Scala a giorno: quando la funzionalità diventa progetto

La scala è un elemento architettonico fondamentale all’interno dell’edificio. Essa permette infatti l’unione di livelli posti a quote diverse e quindi riveste un ruolo funzionale imprescindibile. Ma non è solo una questione di pura fruizione degli spazi.

Molte delle nostre case sono organizzate su due piani e, spesso, al piano alto risiede la zona notte. Con la scala noi ascendiamo a tale parte di casa e, anche se inconsciamente, mentre saliamo già ci predisponiamo ad un cambio di mentalità. La ascesa ci proietta in una dimensione di intimità, con la consapevolezza che stiamo accedendo ad una zona dell’abitazione che è di norma interclusa agli estranei, alla vita pubblica.

Ecco quindi che tale oggetto non è solo un mezzo concreto ma anche un simbolo e un mezzo col quale esperiamo la dimensione abitativa. Oggi vediamo assieme la scala a giorno, la quale non solo risolve problemi progettuali e distributivi, ma anche arreda i nostri spazi in modo sofisticato.

Scala a giorno: in cosa differisce dalla scala classica?

Parlando di scala a giorno, innanzitutto diciamo che la concezione classica che noi abbiamo delle scale prevede un oggetto in muratura e calcestruzzo armato, e quindi una struttura imponente e di notevole ingombro, contenuta all’interno di un vano realizzato ad hoc. Di fatto, pensando al vano scala, pensiamo ad una sorta di vero e proprio ambiente a sé stante. Questo però porta anche problemi non da poco.

  • Le soluzioni classiche, necessitando di un proprio vano, occupano una notevole superficie
  • Le soluzioni classiche sono vere e proprie strutture, con tanto di soletta in calcestruzzo armato, trave inginocchiata e altro. Questo comporta oneri realizzativi non indifferenti.
  • Le soluzioni classiche sono ormai simbolo di tutta l’architettura degli anni ’60-’70 fino ad oggi e, forse, a volte possono risultare superate in termini progettuali ed estetici.

La scala a giorno, invece, è normalmente un elemento esile e integrato al contesto abitativo: essa non necessita un proprio spazio ma si sviluppa in convivenza con la zona giorno. Questo significa che non si nasconde bensì rimane a vista, e quindi da qui sorge la possibilità di non essere un semplice elemento di connessione ma anche un elemento di design. Rimanendo a vista, per esempio adagiata su una parete del salotto, tutti ci possono vedere mentre saliamo sulla struttura e noi, mentre la percorriamo possiamo vedere gli altri. È senza dubbio una concezione più innovativa e contemporanea, che rivoluziona l’idea classica di scala.

scala a giorno
Mapei – Mapethermr Flex RP – 800×110

Le scale a giorno autoportanti

Tale soluzione è di solito autoportante. Quindi non si articola in pesanti solette di calcestruzzo armato che necessitano travi, fondazioni, piastre. Bensì è una struttura sottile, leggera e autoportante che si poggia al piano inferiore e al piano superiore con estrema delicatezza, talvolta con poche di viti di connessione. Questo di fatto offre un impatto molto più arioso e talvolta anche più economico

I materiali per la realizzazione della scala: ferro, legno e altro

Concezione moderna, materiali e sistemi progettuali moderni. La scala a giorno può essere realizzata in più modi.

  • Con struttura in acciaio e gradini acciaio
  • Con struttura in acciaio e gradini in vetro
  • Con struttura in acciaio e gradini in legno
  • Con struttura e gradini in legno
  • Con struttura in acciaio del tipo a tubolare
  • Con struttura in acciaio del tipo a lamiera sagomata talvolta irrigidita da minimi fazzoletti o supporti
  • Con struttura e gradini progettualmente e concettualmente separati: per esempio tubolari portanti diritti e tavole in legno che ben si distinguono
  • Con struttura e gradini che comunicano e cercano un’integrazione progettuale: per esempio tubolari sagomati e saldati appositamente come una serie di pedate e alzate per ricostruire l’andamento della scala stessa

Inoltre il corrimano sarà occasione di creatività.

  • Corrimano in legno
  • Corrimano in acciaio con cimasa in legno
  • Corrimano con tubolari di acciaio e cavi di collegamento
  • Corrimano in vetro

Per il fatto in sé che differisce dalla tipologia classica, e per il fatto che i materiali impiegati sono di concezione più contemporanea, la scala a giorno è innovativa, interessante, accattivante. Se riuscita, essa ha un suo ruolo all’interno del living, e quando gli ospiti entrano non possono fare a meno di notarla ed apprezzarla.

scala a giorno

Quali sono i prezzi di realizzazione per una scala a giorno?

Quindi concentriamoci infine sulle possibili spese di realizzazione. Ebbene, non è possibile considerare una cifra standard di riferimento. Valutate tutte le possibilità realizzative sopra esposte e immaginate la variabilità dell’economia dell’intervento.

Però potete pensare in termini di manodopera per cominciare. Per esempio un falegname o un fabbro capaci ed esperti, al momento dell’installazione della scala, lavoreranno per un costo che a seconda del contesto geografico e non solo può variare dai 17-18 ai 35 euro all’ora più IVA. Se facciamo riferimento a casi concreti, non è insolito pensare che una scala a giorno di disegno e fattura semplice possa costare, montata, dai 1500 ai 2500 euro più IVA.
Ovviamente più il disegno sarà elaborato e i materiali costosi, più la spesa si alzerà.

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
CAP*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Scala a giorno: quando la funzionalità diventa progetto

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *