Piastrelle cucina: come scegliere i rivestimenti in base ai prezzi di mercato

La cucina è uno spazio centrale della casa. Infatti, in cucina ci svegliamo e consumiamo la colazione al tavolo di servizio. Qui spesso pranziamo e ceniamo in famiglia se non vogliamo farlo nel tavolo del soggiorno, per comodità e rapidità. Prepariamo i pasti che consumeremo tutti assieme in un momento di convivialità. Se vogliamo rinnovarla e darle un nuovo look, possiamo incidere notevolmente anche solo sostituendo ad esempio le piastrelle della cucina. Vediamo assieme le possibilità che il vasto mercato di oggi ci mette a disposizione.

Piastrelle cucina: pavimenti o rivestimenti?

Le piastrelle e il loro impiego per la riqualificazione e la ristrutturazione della casa sono un argomento a noi caro. In precedenza, abbiamo parlato delle Piastrelle bagno: quando la funzione incontra il design.

Oggi, vogliamo invece fare un focus sulla cucina, uno spazio sempre più importante, anche grazie alla crescente centralità del cibo e della sua preparazione negli ultimi anni. Basti pensare, al riguardo, ai programmi televisivi incentrati sulla cucina e ai reality, sempre più in voga.

Dapprima, tuttavia, operiamo un distinguo in merito alle piastrelle e al loro tipo di impiego:

  1. Piastrelle per pavimento: ovvero il caso in cui ce ne serviamo per il posizionamento  a terra, come normalmente si fa per gli altri ambienti di casa.
  2. Piastrelle per rivestimento: ovvero il caso in cui ce ne serviamo per il posizionamento in parete, talvolta su tutte e quattri le pareti, talvolta solamente su quella contro la quale adagiamo pensili, piano cottura e acquaio, ovvero la cucina intesa nel senso di falegnameria, non di ambiente.

Nel primo caso, ci sentiamo di dire che le valutazioni da fare sono più semplici e, spesso, anche in virtù dell’amore di oggi per gli open space, a terra abbiamo un pavimento unico in continuità con il living o in generale con gli altri ambienti di casa.

Il consiglio pratico che ci sentiamo di darvi, al riguardo, è che un colore chiaro lascerà vedere più facilmente le macchie e lo sporco che inevitabilmente si creano in cucina per via delle attività che svolgiamo in essa. Quindi, potrebbe essere necessario pulire più frequentemente in questo caso.

I materiali impiegabili sono molteplici, di fatto, ma bisogna dire che il gres porcellanato è un prodotto che, assieme alla ceramica classica, la sta facendo da padrone. Questo grazie alle sue caratteristiche meccaniche molto elevate, la sua durabilità e la possibilità di avere finiture di vario genere che lo rendono esteticamente molto versatile.  

 

piastrelle cucina
OVER-ALL – 810×125
ITALIANA CORRUGATI – 810 x 125
BILDEX – 810 x 125

Piastrelle cucina bianche: classico ma delicato

Se ci concentriamo sul rivestimento, invece, dedichiamo qualche riflessione specifica alla questione. Infatti, se il pavimento è necessariamente in continuità fisica col resto della casa, nel caso del rivestimento parliamo di una presenza visivamente isolata rispetto all’intorno e quindi di maggiore personalità, per certi aspetti.

Una soluzione bianca è sicuramente intramontabile e, ad oggi, vengono molto riprese alcune linee retrò, valorizzate anche tramite una reinterpretazione in chiave contemporanea.

Un esempio su tutti, le piastrelle rettangolari che venivano impiegate nelle cucine british degli anni ’20 e ’30.

È naturale ricordarlo in questi casi: attenzione allo sporco. Sembra banale, ma uno schizzo di sugo sulle mattonelle sarà visibile già dalla porta d’ingresso!

Piastrelle cucina colorate: una scelta originale con un risvolto pratico

La scelta di un prodotto colorato, invece può essere una soluzione alternativa e interessante. Il verde, per esempio, in cucina piace molto e, perché no, potremmo scegliere le mattonelle di questa tonalità.

Tenete conto che, rispetto al bianco, avrete sicuramente il vantaggio di nascondere un po’ lo sporco. È certo che tutti noi puliamo la cucina con opportuna regolarità. Però, se una volta saltiamo la pulizia oppure in un periodo particolarmente pieno di impegni ci capita di essere meno approfonditi, il colore ci aiuta a dissimulare un po’.

Piastrelle cucina mosaico: rivisitazione contemporanea di un tecnologia antica

Per ultima tipologia citiamo ora il mosaico. Questo nasce originariamente come tecnica decorativa di cui alcune civiltà antiche, come i Romani, ci hanno lasciati esempi mirabili.

Oggi, le tecnologie produttive moderne ci consentono una rivisitazione della procedura realizzativa. Non dobbiamo necessariamente apporre tessera per tessera, secondo un processo lungo ed estremamente costoso.

I due prodotti riscontrabili nel mercato sono:

  1. Piastrelle con decorazione mosaico. Vengono posizionate a parete e, successivamente, stuccate in prossimità dei giunti. Poste una accanto all’altra, si ottiene nel complesso un effetto ottico soddisfacente.
  2. Il mosaico di maggior qualità, che si ottiene con l’incollaggio sull’intonaco di fogli di rete già pronti, sui quali sono fissate le tessere del mosaico. Quindi la rete fa da supporto alle tessere stesse.

Una volta finito il montaggio a parete, si provvede ad una stuccatura a tappeto e l’effetto è davvero di alto livello.

Piastrelle cucina prezzi: quanto spendere per acquisto e posa in opera

Concludiamo, come spesso è nostra abitudine, con alcune considerazioni sulle spese da sostenere per un lavoro finito.

Per l’acquisto presso un fornitore, possiamo valutare una spesa che varia a seconda del prodotto, se piastrella standard o mosaico elaborato, dalla qualità della partita, se stiamo parlando di prima o seconda scelta, dal formato della mattonella. I prezzi, dunque, varieranno dai 15-20 fino a 60-80 euro a metro quadrato.

Per la posa, mediamente, la spesa si aggira dai 15-20 ai 40-50 euro a metro quadrato, concordemente alla qualità del piano di posa e al prodotto e formato scelto.

 

Richiedi informazioni:

Share

Piastrelle cucina: come scegliere i rivestimenti in base ai prezzi di mercato

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *