Insonorizzare una stanza: guida per l’acustica fai da te

Mettiamo il caso che nell'appartamento a fianco al vostro ci sia un gruppo di universitari che ha voglia di far festa tutta la notte. O magari il figlio dei vostri dirimpettai ha scoperto un’irresistibile passione per le percussioni. Per mitigare queste situazioni e risolvere il problema dei rumori molesti potete procedere ad insonorizzare una stanza, o magari tutti gli ambienti di casa vostra in modo da sentirvi finalmente in pace. Studiamo il fenomeno della diffusione del suono e come possiamo quindi difenderci da esso.

Insonorizzare una stanza dai rumori esterni: fisica acustica in pratica

Già in un’altra occasione abbiamo parlato di come insonorizzare una stanza.

Ora vediamo in generale come fare per ripararci dal rumore in casa nostra. Partiamo dai concetti fondamentali sulla trasmissione del suono.

Il suono di fatto si propaga sotto forma di onda, e in quanto tale lo possiamo pensare capace di inserirsi e attraversare ogni pertugio possibile: la fessura che rimane sotto il portone di casa o il filo d’aria che rimane lungo la battuta di una finestra che chiude male a causa delle sue guarnizioni invecchiate. Inoltre, sapendo che il suono viaggia laddove non trova ostacoli, allora ricordiamo che tutto ciò che ci separa dall'esterno deve essere consistente. Viceversa, il suono passerà.

Non finisce qui. Se è vero che la massa abbatte l’ingresso del rumore in casa nostra, allora abbiamo bisogno di muri spessi e finestre ben costruite. Ma c’è il risvolto della medaglia.

Per avere una stanza insonorizzata dobbiamo assicurarci che questi elementi non vadano in vibrazione. Per esempio, se chi cammina al piano superiore al nostro inizia a saltare, saremo raggiunti dal rumore non tanto perché è passato il suono attraverso il solaio, ma piuttosto perché questo è stato messo in vibrazione dalle sollecitazioni soprastanti.

Quindi, in sostanza, il miglior modo per insonorizzare un ambiente è quello sia di garantire una certa massa e densità all'involucro di casa nostra, sia predisporre elementi che facciano da smorzatore alle vibrazioni.

insonorizzare una stanza
Gyproc – Habito Forte – 800×110

L’insonorizzazione di una stanza fai da te: le soluzioni operative

Le considerazioni sopra esposte sono molto importanti per insonorizzare una stanza. Infatti procedere alla diretta insonorizzazione di un ambiente senza le necessarie conoscenze di base può risultare inconcludente.

Innanzitutto, quali sono i materiali per un buon isolamento acustico?

  • Pannelli sintetici poliuretanici
  • Schiuma sintetica generalmente poliuretanica
  • Sughero
  • Lana di vetro
  • Lana di roccia
  • Pannelli in fibra di legno
  • Gomme ad alta densità

Tutti questi materiali si caratterizzano più o meno per le loro caratteristiche isolanti. Tuttavia, ce ne sono alcuni più performanti.

Quali sono i migliori materiali per insonorizzare le stanze di casa?

Per esempio, esistono dei pannelli di lana di roccia ad alta densità, del tipo 150, 175 kg per metro cubo o più. Questi materiali hanno ottime capacità isolanti sia contro il rumore sia contro i picchi termici estivi ed invernali.

Altro ottimo materiale per l’insonorizzazione della stanza è il sughero, il quale oltre che essere estremamente bio è anche praticamente eterno.

Un tipico intervento di insonorizzazione di una stanza prevede l’apposizione di pannelli costituiti dai materiali sopra citati, applicati con collanti e ancoraggi meccanici plastici - che non trasmettono rigidamente le vibrazioni- sulle pareti interne o esterne dalle quali passa il rumore. Fatto questo, potete scegliere se realizzare una rasatura per portare a finito i pannelli oppure se formare una controparete di cartongesso adagiata contro i pannelli stessi.

In questo modo avrete sicuramente mitigato di molto problema se non addirittura eliminato.

Gli errori da evitare per una corretta insonorizzazione:

  • Se insonorizzate una parete esterna, fate attenzione alle finestre. È inutile che spendiate del denaro e del tempo se poi la finestra lascia passare ogni suono esterno. È necessario a quel punto intervenire anche sull'infisso.
  • Quanto detto sopra vale anche per l’insonorizzazione delle porte.
  • Ricordate quanto detto sopra sul rumore da vibrazione. Potete isolare le pareti ma certa rumori generati dagli urti non passeranno. A meno che non inseriate uno smorzatore al fine di domare le vibrazioni. Per esempio sotto i vostri piedi potete inserire un materassino anche sottile e successivamente pavimentare in sovrapposizione. Facendo così avrete possibilità di smorzare i colpi tipici di quando camminate.

Quanto costa insonorizzare una stanza?

Concludiamo con un’idea di massima sui costi per l’insonorizzazione di una stanza. Di fatto i materiali sopra citati sono di una vastissima gamma e viaggiano su un ampio range di prezzi.

A seconda del materiale e a seconda anche dello spessore si può spendere dai 5 euro a metro quadrato fino a 30 o più euro a metro quadrato per il solo materiale. Tenete poi conto delle finiture. Per esempio nel caso della pannellatura in cartongesso, che è una soluzione molto impiegata, I prezzi si aggirano sui 20-40 euro a metro quadrato.

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
CAP*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Insonorizzare una stanza: guida per l’acustica fai da te

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *