Dosaggio calcestruzzo: dosi, tipologie e composizione

Il calcestruzzo è un prodotto noto per le incredibili qualità meccaniche. L’umanità ne ha fatto ampio uso da quando lo ha scoperto. Senza necessità di volgere il nostro sguardo lontano da casa, possiamo osservare esempi di magnifica architettura ad opera degli antichi Romani. A Roma stessa, venne costruito il Pantheon. Ci giunge ora per come possiamo apprezzarlo a seguito dei lavori svolti da Adriano nel II secolo dopo Cristo, ma la fabbrica originaria proviene dalla volontà di Agrippa nel I secolo avanti Cristo. La sua cupola, un gigantesco guscio di 43 m di diametro, venne gettato interamente in calcestruzzo.
Il prodotto usato oggi si discosta in parte da quello antico per una naturale evoluzione della tecnologia, grazie alla quale siamo giunti al perfezionamento del prodotto. Vediamo assieme il dosaggio calcestruzzo così da creare un impasto perfetto per risultati ottimali.

Calcestruzzo dosaggio: ottenere un impasto ottimale

Il calcestruzzo viene ottenuto dalla miscela di alcuni “ingredienti” che, solo se opportunamente dosati permettono l’ottenimento di un prodotto di qualità. Se le percentuali che di seguito esporremo vengono alterate, viene molto modificata l’identità della miscela con l’accrescimento di alcuni vizi che poi vedremo.

È da chiarire che ad oggi viene preparato del materiale allorquando si ha necessità di realizzare un getto con armatura metallica, altrimenti raramente ci capita l’occasione di necessitare calcestruzzo puro. Per esempio ne avremmo bisogno per:

  • Realizzare la base su cui poggiare un forno esterno.
  • Ottenere una piccola superficie esterna per il posizionamento di una veranda.
  • Costruire una fontana in giardino o vasca per pesci con una struttura sicura e stabile.

Vediamo quindi assieme il dosaggio calcestruzzo per avere 1 metro cubo di impasto:

  • Sabbia 0.400 mc.
  • Inerte grosso-pietrisco 0.800 mc.
  • 300 kg di cemento.
  • 120 litri d’acqua.

È da notarsi in prima battuta che la somma di queste cubature apparentemente dà come risultato più di un metro cubo! In verità, miscelandosi il tutto con acqua, raggiungeremo esattamente un metro cubo.

Sabbia e pietrisco si mescolano a fornirci un inerte grossolano. Se usassimo solo sabbia fine avremmo della malta e non del calcestruzzo!

Il cemento usato è del tipo 425, vale a dire con una resistenza caratteristica di 425 decaNewton su centimetro quadrato – kilogrammi su centimetro quadro. Usualmente si dà per inteso l’utilizzo del cemento Portland. Questo non esclude alla bisogna l’uso di un pozzolanico per esempio e a tal proposito, se vi interessa, vi consigliamo la lettura di quanto scritto sul “Cemento pozzolanico: caratteristiche meccaniche e chimiche”.

dosaggio calcestruzzo composizione

Calcestruzzo tipologie: C25/30, C28/35 e gli altri

Le sigle C25/30, C28/35 e le altre indicano la resistenza meccanica caratteristica del calcestruzzo a compressione. Per caratteristico, si intendo quel valore di resistenza del calcestruzzo che 95 provini su 100 sono in grado di raggiungere se sottoposti a test sperimentale, prelevati a 28 giorni dall’esecuzione del getto quando hanno ormai sviluppato a pieno le loro capacità strutturali.
Quindi, nel caso del C25/30, le due resistenze sono 25 MegaPascal e 30 MegaPascal. Esse sono due poiché nella prima viene usato un cilindro come provino per il test di cui sopra. Nella seconda un cubetto, il quale si comporta meglio in una prova a schiacciamento.

Dosaggio calcestruzzo RCK 250, RCK 300, RCK 400: vecchie tipologie

Le sigle sopra esposte espongono la resistenze caratteristiche del calcestruzzo ai sensi delle Normative Tecniche sulle Costruzioni emanate nel 2008. Tali valori hanno una relazione diretta con le sigle precedentemente usate. Un tempo, infatti, si faceva riferimento al solo campione di forma cubica. Quindi, se intendete paragonare le due diciture, RCK 300 significa 300 decaNewton su centimetro quadrato il quale valore corrisponde al C25/30.

Il consiglio che vi possiamo dare nel dosaggio calcestruzzo è quello di distinguere se intendete fare un semplice lavoretto casalingo oppure un lavoro serio. Questo nel senso che da soli non si è in grado di dosare in modo ottimale da raggiungere valori effettivi e precisi. Nel caso di un lavoro serio, è necessario chiamare professionisti del settore il cui mestiere sia la produzione del calcestruzzo a prestazioni garantite.

dosaggio calcestruzzo rapporto cemento acqua

Rapporto acqua cemento nel calcestruzzo

Concludiamo spendendo poche parole sul rapporto acqua-cemento e altre questioni simili. Come accennato a inizio articolo, uscire fuori dalle dosi suggerite è pericoloso. Esponiamo quindi alcuni punti salienti che vi può far comodo sapere per compiere opere a regola d’arte!

  • L’acqua non deve essere superiore a quanto riportato: se questo accade, il fenomeno del ritiro in fase di presa del calcestruzzo e a seguire sarà drastico. Rischierete fessure di ampiezza molto grave!
  • Altro motivo per cui l’acqua non deve eccedere: un calcestruzzo troppo fluido soffre importanti abbattimenti delle sue capacità meccaniche.
  • L’acqua non deve essere presente neanche in quantità minore al valore standard: in quel caso, infatti, sarà più difficile garantire l’inglobamento dell’acciaio di armatura e la perfetta aderenza fra calcestruzzo e armatura.

Richiedi informazioni:





Nome*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Dosaggio calcestruzzo: dosi, tipologie e composizione

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *