Costruire un muro: materiali e tecnica operativa per il fai da te

Potremmo avere necessità di realizzare un muricciolo alto mezzo metro per contenere un fazzoletto di terra dove facciamo l’orto. Oppure intendiamo costruire un muro di recinzione in mattoni faccia a vista attorno al giardino di casa nostra. Oltre a questo, di sicuro tanti di noi hanno desiderato a un certo punto sapere come costruire un muro per il semplice piacere di realizzarne uno con le proprie mani almeno una volta nella vita. Vediamo assieme come fare.

Come funziona la muratura: capire per realizzare

Ci è capitato di toccare già l’argomento sulle costruzioni spiegando come “Costruire un muro di contenimento, un elemento utile per la struttura e l’arredo per esterni”.

Oggi invece ci concentriamo sulla muratura in sé. Ovvero sulla tecnica con cui elevare un muro stabile e ben fatto.

In prima battuta, senza la pretesa di scrivere un trattato di tecnologia, spieghiamo come funziona la muratura per capire meglio come realizzare muri. La muratura si compone di elementi lapidei quali pietra sbozzata e/o mattoni, i quali vengono giustapposti fra loro tramite l’impiego di malta. Dicendo “giustapposti”, intendiamo dire che gli elementi si posizionano sempre in modo tale che fra il corso superiore e il corso inferiore sussista uno sfalsamento. Quindi i mattoni o le pietre, per intendersi, non creano mai delle pile di elementi uno sopra l’altro slegate fra loro come tante pile di monetine sul tavolo. Bensì vengono a sovrapporsi in modo tale che non si crei mai una soluzione di continuità. La malta inoltre fa da legante per aumentare il grado sicurezza dell’apparecchiatura muraria.

costruire un muro 2
Mapei Ecolastic 800×110

Costruire un muro a secco

Vediamo quindi come costruire un muro con il fai da te. Partiamo dal sistema che di fatto è più difficile: il muro a secco. Questo si realizza spesso in pietra ma talvolta anche in mattoni, o spesso in tufo. Realizzare un muro a secco significa privo di malta. Per fare questo, però, è necessario che gli elementi impiegati possiedano un minimo di regolarità. Quindi, se intendete usare la pietra, dovete acquistarla sottoposta ad una sbozzatura preventiva.
In tal caso non necessitate di grosse strumentazioni:

  • Un filo da muratore per tracciare a terra una linea di riferimento da dove iniziare a posare e per controllare il muro mentre cresce in altezza
  • Un metro per le altezze e misurazioni varie
  • Filo a piombo per controllare la verticalità dell’opera
  • Occhiali, mazzetta e scalpello se intendete fare delle lavorazioni in situ

Iniziate posando tutto il primo corso a terra. Cercate di fare un lavoro ordinato. Tenete il piano da subito. Col mattone o il tufo non ci sono grosse difficoltà. Ma con la pietra potrebbero crearsi. Se il piano che costruite è irregolare, quando andrete a realizzare il corso soprastante sarà più difficile e con buona probabilità il difetto si sommerà crescendo in altezza.
La parte cruciale sta nello sfalsamento e nella creazione di un sistema di ammorsamento come sopra spiegato. Ogni elemento posato, dovrà risultare a cavallo dei due mattoni sottostanti, in modo da creare una tessitura interconnessa e quindi stabile.

Realizzare un muro in pietra

Quanto indicato sopra vale in modo fedele anche in questo caso. Certo, ora giunge la facilitazione di poter utilizzare della malta. Infatti, l’opera a secco è la più difficile in assoluto poiché non esiste interfaccia alcuna fra gli elementi dell’apparecchiatura. Mentre invece usando della malta abbiamo la possibilità, giocando anche sulla sua consistenza, di creare spessore fra una posa e l’altra così da giocare a nostro vantaggio.
Come fare per la malta? Se volete realizzarla da soli leggete anche “Malta cementizia: dosi, prezzo e specifiche tecniche”, potrebbe esservi d’aiuto. Ma vediamo subito come fare. Avete bisogno di:

  • Secchio per impastare
  • Cazzuola
  • Acqua per l’impasto
  • Sabbia e legante se intendete dare autonomamente tutto
  • Malta in polvere pronta all’uso, premiscelata o predosata
  • Eventuale miscelatore

Ricordate che normalmente la malta richiede certe proporzioni standard, ma è normale e lecito variarle un poco a seconda della necessità. Nel caso della muratura in pietra, trattandosi di una realizzazione che necessariamente porta con sé un certo tasso di irregolarità, avrete bisogno di una malta piuttosto soda. Cosicché non scivoli via durante la posa e vi permetta di accomodare bene i conci.

Costruire un muro in mattoni

Infine terminiamo col muro in mattoni.

Tenete presente tutto quello che è stato detto finora poiché resta valido. Nel caso del mattone vi consigliamo però di servirvi di una malta più molle, poiché il laterizio rispetto alla pietra asciuga l’acqua molto più rapidamente e rischiereste di trovarvi con la malta subito ripresa senza possibilità di accomodare bene gli elementi. Se la muratura in pietra rende più difficile trovare un piano di posa regolare, la muratura in mattoni rende problematici i tempi di allettamento, che devono essere molto rapidi.
Infine un ultimo consiglio: scegliete da subito qual è il risultato finale che intendete perseguire. Se intonacherete la parete, allora la precisione può venire un po’ meno. Ma se siete amanti del faccia a vista, allora dovrete essere precisi e scrupolosi!

Richiedi informazioni:





Nome*
Cognome*
CAP*
Città*
Email*
Telefono
Compila il campo "Telefono" per una comunicazione più rapida
Tipologia Utente
Scrivi la tua richiesta*
Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Costruire un muro: materiali e tecnica operativa per il fai da te

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *