Come scegliere il parquet: una pratica guida alle principali tipologie di parquet per interni

Il fascino del parquet è intramontabile. Avere un materiale naturale quando si appoggiano i piedi sul pavimento di casa è una sensazione che infonde un immediato benessere. Ma come scegliere il parquet ideale tra le mille essenze di legni disponibili sul mercato? Ecco una piccola guida per fare chiarezza nel mondo variopinto dei legni d’arredo.

Scegliere il parquet ideale per le tue esigenze.

Le principali tipologie di parquet

Conoscere le principali tipologie di parquet in commercio è fondamentale per sapere come scegliere il parquet ideale per le tue esigenze.
Considerando l’uso domestico e non commerciale le tre tipologie di parquet più diffuse sono quelle in legno massello, in legno prefinito multistrato e in legno prefinito massello.

Parquet in legno massello (tradizionale)

La pavimentazione è esclusivamente composta da legno nobile ed è generalmente venduto nella sua forma grezza. Occorre quindi levigarlo e lucidarlo dopo la posa prima di renderlo effettivamente calpestabile. Per questo motivo l’installazione del pavimento può richiedere anche quaranta giorni a causa delle operazioni di posa, levigatura e verniciatura finale.
Sebbene l’aspetto estetico finale sia uno dei migliori, a prescindere dall’essenza dei legni scelti, la difficoltà di installazione e posa ha dato sempre maggiore spazio al parquet prefinito. Oggi, infatti, il parquet in legno massello rappresenta solo il 35% del mercato delle pavimentazioni in parquet per uso domestico.

Parquet prefinito multistrato

Il parquet prefinito è in genere composto da più strati di legni differenti. Quello superficiale è la tipologia di legno più pregiato, rappresenta l’essenza del parquet e il suo spessore deve essere almeno di 2,5mm per un pavimento in parquet prefinito di buona qualità. Il parquet prefinito a differenza del pavimento in parquet massello viene già levigato e verniciato in fase di produzione. Quindi la posa del pavimento in parquet prefinito richiede meno tempo e manodopera, il pavimento è calpestabile dopo solo 24 ore dalla posa. Il successo del parquet prefinito è dovuto al suo costo sensibilmente inferiore rispetto al parquet massello.

Parquet prefinito massello

E’ la via di mezzo tra il parquet prefinito multistrato e il parquet massello, che sta riscuotendo sempre più successo negli ultimi anni. In questo caso il legno massello viene già lavorato, levigato e verniciato in fabbrica permettendo di ottenere tempi di installazione e posa più rapidi, senza dover rinunciare all’aspetto estetico del legno massello. In questo caso il costo è superiore al semplice parquet prefinito ma sensibilmente inferiore al parquet in legno massello tradizionale.

Le diverse tipologie di parquet possono avere prezzi differenti.

Le principali essenze di legni per pavimenti in parquet

Un'altra decisione molto importante da prendere quando si decide come scegliere il parquet ideale riguarda le essenze del legno. Bisogna considerare più fattori, alcuni inerenti lo stile altri la praticità e la funzionalità del pavimento. Ad esempio, un’essenza del legno scura si presta bene per gli ambienti più formali mentre un’essenza chiara ad ambienti maggiormente informali. Tuttavia non esistono regole precise e stringenti; la decisione sarà guidata dalla tua fantasia e dal tuo budget, dato che le diverse tipologie di parquet possono avere prezzi molto differenti tra di loro.
Ovviamente elencare tutte le tipologie di essenze disponibili sarebbe un’impresa titanica, per questo ti suggeriamo quelle più diffuse e comuni:

Quercia rossa: E’ una delle essenze più diffuse negli Stati Uniti che si sta diffondendo anche nel vecchio continente. Ha un colore rossastro con una grana grossa ed è un legno duro e denso che resiste molto bene all'usura.

Quercia bianca: A differenza della quercia rossa un pavimento in quercia bianca ha tonalità molto più chiare. La quercia bianca è l’ideale per aumentare la luminosità degli spazi e renderli più accoglienti. Inoltre, avere un pavimento in quercia bianca aumenterà il valore della tua abitazione e se curato adeguatamente durerà quasi per sempre.

Betulla: La betulla ha un’ampia gamma di colorazioni che va dal giallo al bianco rosato. Per questo motivo è una tipologia di parquet adatta a tutti gli ambienti domestici. Inoltre è anche molto elastica e flessibile, limitando il rumore ed eventuali scricchiolii. Tuttavia la sua elevata elasticità lo rende un parquet molto delicato e sensibile all'umidità.

Faggio: Si tratta di un legno con una durezza media e una piacevole tonalità di colori calda e accogliente. Il legno di faccio si contraddistingue per avere una fibra dritta molto regolare, ma, a causa della sua nervosità, non è indicato per pavimentazioni con riscaldamento a pavimento o nel bagno.

Richiedi informazioni:





Nome*

Cognome*

La tua email*

Tipologia Utente*

Città*

Numero di telefono

Scrivi la tua richiesta*

Dichiaro di aver letto e accetto l'informativa sulla privacy

Share

Come scegliere il parquet: una pratica guida alle principali tipologie di parquet per interni